Il punto di non ritorno della fertilità in Cina


OLTRE A PORTARE CON SÉ GLI ORRORI DELL’ABORTO FORZATO E DELLE STERILIZZAZIONI, LA POLITICA DEL PARTITO COMUNISTA CINESE HA PORTATO AL CROLLO DELLA FERTILITÀ…

Di Angelica La Rosa

Sulla Cina che ora consente tre figli per famiglia, la presidente del Ruth Institute, la dott.ssa Jennifer Roback Morse, Ph.D. (nella foto), ha dichiarato che “in termini di calo della fertilità, la Cina ha probabilmente superato il punto di non ritorno. Ma dovrebbe comunque porre fine a tutti i controlli sulla dimensione della famiglia. Il governo non ha alcun diritto di dire alle famiglie quanti figli possono avere”.

La Morse ha spiegato che la politica malthusiana del figlio unico in Cina è entrata in vigore nel 1979. “Oltre a portare con sé gli orrori dell’aborto forzato e delle sterilizzazioni, la politica ha portato al crollo della fertilità. La Cina ora ha un tasso di fertilità di 1,3. Con 2,1 necessario per sostituire la popolazione attuale, in questo secolo la popolazione cinese inizierà a diminuire. Una volta iniziato, il declino potrebbe diventare una caduta libera”.

Secondo l’esponente pro-life americana “un tempo famosa per le sue masse brulicanti, la nazione cinese sta già sperimentando una popolazione incanutita e una crescente carenza di lavoratori. Il bilancio che questo avrà sull’economia cinese è difficile persino da immaginare”.

Nel 2016, la Cina ha modificato la sua politica del figlio unico permettendone due, ma a quel punto il danno era già stato fatto. L’antico legame del popolo cinese con le famiglie numerose è stato interrotto. Anche se ora possono avere fino a tre figli, molte famiglie urbane optano ancora per un solo figlio.

“La nuova politica dei 3 bambini è solo per i membri della maggioranza Han”, ha osservato la Morse. “Pechino sta ancora lavorando per tagliare la popolazione dei musulmani uiguri con l’aborto coercitivo e la contraccezione”.

Come studente di sociologia in Cina nel 1979-80, Steven Mosher fu il primo a denunciare gli orrori commessi dal regime per limitare le dimensioni della famiglia. Morse ha rilevato che recentemente anche il New York Times si è svegliato ed ha finalmente ammesso le implicazioni della caduta della fertilità.

L’impatto mondiale dell’inverno demografico sarà discusso al Summit 2021 del Ruth Institute, “Reclaiming the Professions for Life and Family”, che si terrà dal 16 al 17 luglio a Lake Charles, Los Angeles.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments