Molti giovani non sono “fuori di testa” come certi parlamentari laicisti


IL PASSO FALSO DI DRAGHI

Di Puma Alessandro

Draghi ha finalmente gettato la maschera, adesso lo riconosciamo per quel che è, ovvero come uno dei grandi artefici dell’affossamento dell’Italia a tutto vantaggio dell’euro.

Non doveva farlo ma non ce l’ha fatta più, ha voluto mettere in chiaro (ma mica siamo in Francia) che il Parlamento italiano è libero e laico, dichiarando apertamente guerra al Vaticano.

La questione è gravida di conseguenze è molto probabilmente finirà male come nelle antiche lotte per le investiture.

Il Parlamento è libero, laicamente o laicisticamente, o in maniera assolutamente atea di fare quel che vuole, e cioè di mandare avanti un decreto, come il DDL Zan, che non solo è anti-costituzionale ma addirittura anti-naturale, fregandosene del Concordato e del buon senso.

La più grande scemenza eretica che si sia mai vista sulla faccia della terra, altro che santa Inquisizione… Tutto questo mentre il popolo muore di fame.

E ci tocca pure sentir parlare di diritti gay, trans, gender e varie amenità.

Una nota di speranza: i miei alunni in classe quest’anno ridevano come matti a sentire le castronerie, spacciate per legge, dal DDL… Significa che non sono ancora fuori di testa come i parlamentari laici.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments