Attrici di Hollywood hanno rivelato che apparire nude sullo schermo le ha traumatizzate


LE CONFESSIONI DI SELMA HAYEK, KATE WINSLET, NICOLE KIDMAN E REESE WITHERSPOON

Di Angelica La Rosa

Un gruppo di attrici di Hollywood di alto profilo, tra cui Selma Hayek, Kate Winslet, Nicole Kidman e Reese Witherspoon, hanno recentemente rivelato che apparire nude sullo schermo le ha traumatizzate. Tutto il contrario di quanto aveva promesso la “Rivoluzione Sessuale”, secondo la quale l’ansia delle attrici sarebbe stata eliminata se fossero state sufficientemente “sex-positive”.

“Ci è stato detto che tutti sarebbero stati più felici se avessimo semplicemente rovesciato i nostri tabù antiquati. Il pianto sincero di queste attrici mostra che questo semplicemente non è vero”, ha dichiarato il presidente del Ruth Institute, la dott.ssa Jennifer Roback Morse, Ph.D.

Della sua scena d’amore nuda in “Desperado”, Selma Hayek ha detto: “Ho iniziato a singhiozzare e continuavo a dire: ‘Non so se posso farlo'”. Kate Winslet ha rivelato: “Lo odio… è una cosa profondamente bizzarra da fare… davvero immorale se ci pensi”. Nicole Kidman ha ammesso: “Mi sono sentita molto esposta, vulnerabile e profondamente umiliata… stavo semplicemente sdraiata lì, a pezzi e piangevo”. Delle scene di sesso nel film “Wild”, Reese Witherspoon ha confessato: “Ho iniziato a farmi prendere dal panico… ero solo terrorizzata”.

La dottoressa Morse ha commentato che “queste non sono stelline vulnerabili ma professioniste esperte. Pensavano erroneamente che la loro fama potesse isolarli da questo tipo di sfruttamento. Invece, gli studios l’hanno vista come un’opportunità per migliorare i loro profitti soddisfacendo gli appetiti di base. Spesso le scene di nudo non erano nella sceneggiatura, ma sono state calate sulle attrici mentre erano sul set. Avrebbero potuto rifiutare? Ovviamente. Avrebbero potuto fare queste rivelazioni prima? Vorrei che l’avessero fatto. Ma le persone non sono più ragionevoli quando sono state traumatizzate”, ha detto Morse. “L’ideologia della rivoluzione sessuale insiste sul fatto che provare vergogna per la nudità è uno di quei tabù obsoleti che tutti dovremmo sforzarci di superare. Questa visione è molto utile per persuadere le vittime a tacere”.

La dottoressa Morse è convinta che il caso “Harvey Weinstein” sia la punta dell’iceberg. “Hollywood è un classico esempio della corruzione delle professioni in una cultura satura di sesso – in parte a scopo di lucro e in parte perché hanno accettato l’ideologia della Rivoluzione Sessuale, come tante altre professioni”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments