L’unico traguardo che conta davvero!


VOX DEI (IN LATINO “VOCE DI DIO”), UN COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO DI DON RUGGERO GORLETTI

Giovedì 5 agosto 2021

Dal vangelo secondo Matteo 16, 13-23

 

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».
Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.
Da allora Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno.
Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: «Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Va’ dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!».

 

COMMENTO

Chi è Gesù? È la domanda su cui è imperniato il brano di Vangelo che abbiamo appena ascoltato. Non è una domanda che serve a soddisfare una curiosità tra le tante, ma è una domanda fondamentale per la nostra vita. Perché la domanda su Gesù è così importante per la nostra vita? Perché se Gesù è solo un uomo, un uomo saggio, un uomo buono, un uomo che ha lasciato alcuni insegnamenti molto profondi, ma i cui resti riposano in qualche cimitero della Palestina, non è molto rilevante per noi. Possiamo prendere qualcuno dei suoi insegnamenti, usarlo per la nostra vita, come facciamo con i pensieri saggi di qualche antico, e basta. Tutto qui. Ma se è vero che Gesù è Dio che si è fatto uomo rimanendo Dio, che è morto, è risorto, è vivo oggi in anima e corpo. siede alla destra del Padre e ci ha preparato un posto per vivere eternamente beati con Lui, allora tutto cambia. I suoi insegnamenti non sono soltanto lo spunto per qualche riflessione, ma sono dei comandi che ci ha lasciato perché questa nostra vita abbia un senso, perché sappiamo affrontare senza disperazione il dolore e la morte, perché possiamo raggiungere il traguardo più importante della nostra vita, l’unico che conta davvero: la salvezza della nostra anima, la vita eterna.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments