Giornalisti italiani riportate bene cosa ha deciso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo!


CORTE EDU E VACCINI

Di Daniele Trabucco

Il 24 agosto 2021 la CEDU ha deciso di respingere le richieste di provvedimenti cautelari presentate dai vigili del fuoco francesi in seguito dell’entrata in vigore della Legge 5 agosto 2021, n. 2021-1040 relativa alla gestione della crisi sanitaria.

Secondo la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo la richiesta proveniente da 672 professionisti e volontari di Servizi antincendio e di soccorso dipartimentali della Francia (SDIS) in merito alla legge francese relativa alla gestione della crisi sanitaria “non rientra nel campo di applicazione per l’applicazione dell’articolo 39 del Regolamento della Corte”.

I giudici di Strasburgo, dunque, non sono entrati nel merito della questione, rilevando solo che il ricorso promosso ai sensi dell’articolo sopra menzionato non contiene una domanda completa, o meglio un’esposizione chiara ed esaustiva dei fatti e neppure l’esistenza del rischio immediato e irreparabile.

Nulla vieta, in futuro, che la Corte EDU, che ha sede in Francia, a Strasburgo, possa valutare le leggi degli Stati membri del Consiglio d’Europa (organo non dell’Unione Europea) alla luce dei criteri di proporzionalità e necessità.

E come al solito i media italiani hanno raccontato la notizia in modo tale da far passare un altro messaggio, cioè che la Corte avesse confermato l’obbligo vaccinale per i pompieri transalpini.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments