Scoperta la più grande fossa comune della “Grande Purga” comunista di Stalin


UCRAINA: NUOVE VITTIME DELLA POLIZIA SEGRETA SOVIETICA (NKVD)

Di Angelica La Rosa


È stata scoperta in Ucraina la più grande fossa comune della “Grande Purga” comunista operata da J. Stalin negli anni 1930.

Recentemente sono state trovate 29 fosse comuni di quel periodo, grazie all’Istituto della Memoria Nazionale dell’Ucraina (IMNU), in particolare a Tatarka, vicino a Odessa, sulle rive del Mar Nero.

La “Grande Purga” comunista di Stalin fu una campagna di arresti, repressione politica e pulizia etnica in cui morirono più di 20 milioni di persone, vittime di esecuzioni per crimini comuni e politici, assassinati nei campi di lavoro forzato e in altri modi orribili.

All’interno delle ultime tombe scoperte c’erano circa 8.000 corpi, vittime del Commissariato del popolo per gli affari interni (NKVD).

Questa scoperta è stata fatta grazie al lavoro dello storico Odesio Oleksandr Babich, che ha trovato i documenti che registrano le esecuzioni di massa a Odessa.

Dall’IMNU hanno comunicato che la scoperta è legata al sangue che il potere sovietico ha versato per imporsi a Odessa, e poiché, secondo la documentazione, le tombe potrebbero estendersi dal luogo verificato ad una vecchia caserma militare, questo renderebbe la zona scoperta la più grande sepoltura comune di massa di tutta l’Ucraina.

Come sappiamo, i regimi comunisti, ufficialmente atei, sono stati generalmente ostili alla religione e l’Unione Sovietica ne è stata uno degli esempi più eclatanti.

Dopo il 1929, e per tutti gli anni ’30, le chiusure di chiese, gli arresti di massa del clero e dei laici religiosi attivi e la persecuzione delle persone per aver frequentato la chiesa raggiunsero proporzioni senza precedenti.

La LMG ha usato tattiche terroristiche contro i credenti per guidare la campagna, mascherando le proprie azioni con il pretesto di proteggere lo stato e perseguire i trasgressori della legge.

Si svolsero processi a vescovi che, insieme al loro clero e ai parrocchiani laici, furono denunciati come costituenti “bande terroristiche sovversive” smascherate.

La propaganda ufficiale dell’epoca esigeva l’esilio dall’Unione Sovietica del concetto stesso di Dio.

Dal 1932 al 1937, Joseph Stalin dichiarò i “piani quinquennali dell’ateismo” e la LMG fu incaricata di eliminare completamente tutte le espressioni religiose nel paese. Molti di questi stessi metodi e tattiche di terrore furono imposti anche contro altre persone che il regime considerava suoi nemici ideologici.

Durante le purghe del 1937 e del 1938, i documenti registrano che furono arrestati 168.300 religiosi ortodossi russi. Di questi, più di 100.000 furono fucilati.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments