Vaccini e green pass, “chi rifiuta tutto ciò è un uomo pericoloso, perché osa dire che il re è nudo”


MOLTI INVOCANO GESÙ PERCHÉ SIA LUI A FARE QUELLO CHE ESSI CHIEDONO. NON C’È FORSE QUI, UN’INVERSIONE RUOLI?

Di Padre Giuseppe Tagliareni

 

Al tempo della prima persecuzione dei seguaci del Nazareno, tutta la Chiesa pregava per la conversione di Saulo e la grazia venne concessa. Fu un capovolgimento meraviglioso, che dimostra la potenza della grazia di Dio. Paolo lo riconosce volentieri: “Cristo Gesù ha voluto in me, per primo, dimostrare tutta quanta la sua magnanimità, e io fossi di esempio a quelli che avrebbero creduto in lui per avere la vita eterna“ (1Tim 1,16).

La gloria di Gesù infatti, è salvare: “Cristo Gesù è venuto nel mondo per salvare i peccatori, il primo dei quali sono io” (v.15), riconosce umilmente l’Apostolo, davanti a Timoteo. Questa è la lieta novella da annunziare a tutti: una salvezza presente, che converte, toglie i peccati e fa santi. Ma oggi, in alto e in basso, si dice che la salvezza è il vaccino, rifatto ad ogni variante del virus, associato a mascherina (pure in chiesa) e distanziamento; chi poi, ha la grazia del green-pass può andare dappertutto: è un uomo felice! Chi rifiuta tutto ciò è un uomo pericoloso, perché osa dire che il re è nudo.

La parola di Dio è il fondamento della vita, la roccia che non crolla; il cuore è la fonte del bene e del male. Le opere ne sono la dimostrazione, come i frutti rivelano la natura dell’albero. “Perché mi invocate: “Signore, Signore!” e non fate quello che dico?“, ci chiede Gesù. Molti invocano Gesù perché sia Lui a fare quello che essi chiedono. Non c’è forse qui, un’inversione ruoli?


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments