Altra follia: donna “apre” il suo matrimonio all’amante omosessuale del marito


LA PRESIDENTE DEL RUTH INSTITUTE, LA DOTT.SSA JENNIFER ROBACK MORSE, PH.D., HA COMMENTATO: “QUANDO SMETTERANNO DI PROMUOVERE IL ‘MATRIMONIO APERTO’ I SEXUAL REVOLUTIONARIES”

Di Angelica La Rosa

L’HuffPost ha recentemente pubblicato in inglese un articolo (dal titolo, nella traduzione italiano: “Mio marito mi tradiva con un uomo. Quindi abbiamo preso una decisione inaspettata e che ci ha cambiato la vita”) firmato con uno pseudonimo femminile (“Anne M. Hibbens”, uno pseudonimo che l’autrice ha scelto, si dice, “per proteggere la privacy e la sicurezza della sua famiglia” californiana) attraverso il quale una donna racconta di aver aperto il suo matrimonio all’amante omosessuale del marito.

La presidente del Ruth Institute, la dott.ssa Jennifer Roback Morse, Ph.D., ha commentato la notizia dicendo che “questa è una delle cose più tristi che ho letto da molto tempo. I Sexual Revolutionaries hanno spacciato il ‘matrimonio aperto’ dagli anni ’70. Ho visto numerose coppie provarlo nel corso della giornata, ma non l’ho mai visto funzionare. Ho visto divorzi, suicidi e bambini che non avrebbero dovuto essere concepiti, ma non ho mai visto una di queste situazioni durare come un’unione permanente. Mi sento così male per questa donna che ha scritto sotto uno pseudonimo. Quanto può essere orgogliosa di questa sistemazione abitativa se non può nemmeno scriverne a suo nome?”.

L’autrice riferisce che suo marito “ha deciso che era bisessuale” e che voleva rimanere sposato con lei, “ma voleva un matrimonio aperto in modo da poter avere anche un fidanzato… Il matrimonio 2.0 è iniziato davvero quando Stuart ha avuto un fidanzato. Ho fatto amicizia con gli uomini con cui usciva, ho cucinato per loro e sono persino andato in vacanza con uno di loro. Continuavano ad esserci sfide – cose su cui Stuart ha mentito, paura delle malattie sessualmente trasmissibili, gelosia, disprezzo di sé – e le ho affrontate, in parte, con l’aiuto della terapia e dello yoga”.

“‘Continuavano ad esserci sfide’, è il codice per ‘era una miseria totale perché stava rovinando la mia vita insieme al nostro matrimonio'”, ha detto Morse. “In altre parole, deve fare il lavoro per far funzionare questo lavoro. Mi sembra una misoginia da giardino. Quando smetteranno di promuovere il ‘matrimonio aperto’ i Sexual Revolutionaries”.

“Quanti altri fallimenti?, quante altre vite spezzate, prima che finalmente ammettano di aver sbagliato?”, si è chiesto la Morse. “Storicamente, solo la monogamia funziona”, ha spiegato la dottoressa. “Potrebbe non piacere ai lettori di HuffPost, che sono sempre alla ricerca di novità e tendenze, ma il matrimonio tra un uomo e una donna ha funzionato nel corso della storia. Incanala la spinta maschile in direzioni socialmente costruttive e dà alle donne sicurezza e stabilità per crescere i propri figli. Soprattutto, l’amore coniugale per tutta la vita fornisce giustizia ai figli, dando loro le migliori possibilità di avere una relazione significativa con entrambi i genitori”.

Anche la sex symbol degli anni ’70 Raquel Welch, nonostante i suoi matrimoni falliti, ha detto alla CNN che il matrimonio è “la pietra angolare della civiltà, un’istituzione essenziale che stabilizza la società, fornisce un santuario per i bambini e ci salva dall’anarchia”.

“L’accordo tra marito, moglie e fidanzato, semplicemente non può fornire la stessa stabilità e permanenza”, ha concluso la Morse.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments