Ecco chi è San Pio da Pietrelcina


“I SANTI MANIFESTANO IN DIVERSI MODI LA PRESENZA POTENTE E TRASFORMANTE DEL RISORTO” (BENEDETTO XVI)

Di Mariella Lentini*

 

Segui Informazione Cattolica su
TELEGRAM (https://t.me/informazionecattolica),
YOUTUBE (https://www.youtube.com/channel/UC7J-wgLcG7Ztwp2LXjXGDdQ/videos),
FACEBOOK (https://www.facebook.com/informazionecattolica),
​TWITTER (https://twitter.com/infocattolica)

 

In un paese vicino a Benevento, a Pietrelcina, il 25 maggio 1887, nasce uno dei santi più popolari e invocati del mondo. Grazio Mario Forgione e Maria Giuseppa di Nunzio sono una coppia di modesti agricoltori. Sono poveri ma molto religiosi. Si amano e mettono al mondo sette figli. Francesco, il quartogenito, di salute cagionevole, ama stare da solo, a contatto con la natura. Già da bambino, sente la vocazione verso il sacerdozio: prega per delle ore in chiesa. A sedici anni entra in convento tra i frati francescani cappuccini, indossa il saio e il suo nome muta in Pio da Pietrelcina. Nel 1910 diventa sacerdote e viene trasferito a San Giovanni Rotondo (Foggia), alla guida della Chiesa di Santa Maria delle Grazie, dove vi resterà per tutta la vita. Padre Pio, come lo chiamano i fedeli, mangia pochissimo, un po’ di verdura, e confessa tutto il giorno i pellegrini che arrivano da ogni regione d’Italia. Egli sa leggere nei cuori delle persone. Sa essere dolcissimo oppure burbero con i peccatori che non si pentono.

Si narra che un giorno, nella Piana Romana di Pietrelcina, gli insetti abbiano messo a rischio il raccolto di fave. Un contadino si rivolge a Padre Pio e, con fede sincera, lo supplica di benedire le sue piante per liberarle dai pidocchi. Padre Pio ammira la fede del contadino, così durante la Messa prega per lui e poi si reca in campagna a bagnare con l’acqua benedetta le fave. I pidocchi muoiono all’istante e il raccolto è salvo. La stessa cosa accade per le altre coltivazioni di fave, in seguito alle richieste di aiuto degli agricoltori pietrelcinesi. Nel 1918 su mani, piedi e costato di Padre Pio compaiono le stimmate, i segni della crocifissione di Gesù. Per i fedeli questa è la prova della sua santità.

La popolarità di Padre Pio aumenta: tanti i miracoli di guarigione e un intenso profumo di viole accompagna sempre il santo che ha il dono della “bilocazione”, di trovarsi, cioè, in due luoghi contemporaneamente. Grazie alla “Divina Provvidenza” e alle offerte che arrivano dai devoti, fa costruire il grande Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza”, tuttora operativo, e una nuova basilica che sorge accanto alla piccola Chiesa Santa Maria delle Grazie. Oggi a San Giovanni Rotondo si innalza un grande santuario dove ogni anno confluiscono milioni di pellegrini, provenienti da ogni parte del mondo. Padre Pio muore all’età di 81 anni, il 23 settembre 1968, giorno in cui spariscono le stimmate dal suo corpo. È patrono dei volontari della protezione civile.

 

* Autrice del libro
“Santi compagni guida per tutti i giorni”


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments