La ricerca continua di un segno è una scusa per non convertirsi


VOX DEI (IN LATINO “VOCE DI DIO”), UN COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO DI DON RUGGERO GORLETTI


Il Vangelo di Lunedì 11 ottobre 2021

Dal vangelo secondo san Luca 11, 29-32

In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire:
«Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.
Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone.
Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».

COMMENTO

Gli interlocutori di Gesù cercano un segno. Probabilmente i segni che Gesù aveva fatto non li avevano ancora convinti!

La ricerca continua di un segno è una scusa per non convertirsi, per questo Gesù parla di generazione malvagia. Dice che darà loro il sogno di Giona.

E cos’è questo segno? Nel Vangelo di Matteo il segno di Giona è la morte e resurrezione di Gesù: come Giona è rimasto tre giorni nel ventre del pesce che lo aveva inghiottito, così Gesù resterà tre giorni nella tomba.

Nel brano di Luca il segno di Giona sembra essere solo la sua predicazione: la predicazione di Giona aveva portato gli abitanti di Ninive a convertirsi, quella di Gesù (che è molto più grande di Giona!) invece non riesce a far breccia nel cuore dei suoi ascoltatori. Per questo li definisce malvagi e nel giorno del giudizio renderanno conto della loro incredulità.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments