«Ho adorato la natura e gli spiriti, ora ho incontrato Gesù»


IN BANGLADESH IL NUMERO DEI FEDELI CRISTIANI STA CRESCENDO, NONOSTANTE LE CONTINUE TENSIONI CON LA MAGGIORANZA MUSULMANA CHE, SPESSO, SFOCIANO IN VIOLENZE CONTRO I CRISTIANI

A cura di Angelica La Rosa

Un gruppo di 47 adulti ha ricevuto il battesimo nel villaggio di Korbala, situato nella diocesi di Rajshahi, a nord del Bangladesh. Ieri lo hanno ricevuto altre 70 persone. Il lavoro dei catechisti e missionari del Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME) sta dando quindi i suoi frutti. Due dei neo battezzati hanno spiegato ad AsiaNews la loro gioia di essere già cristiani.

La prima cerimonia si è svolta il 13 ottobre in questa località della parrocchia di Bhutahara Quasi, fondata nel 2005 dai missionari del Pime e che conta attualmente più di 2.500 fedeli cattolici. I missionari hanno lavorato per molti anni con le tribù Santal e Oraon, popolazioni tribali autoctone della zona che praticano una forma di antico panteismo legato alla natura e alla venerazione degli spiriti.

Da più di sette anni visitiamo questi villaggi”, ha raccontato ad AsiaNews padre Swapon Purification. “Abbiamo portato la Parola di Dio, celebrato messe e offerto corsi di catechesi. Il risultato è stato sorprendente: 47 adulti di 15 famiglie hanno ricevuto il battesimo nel villaggio di Korbala. E ieri, 20 ottobre, più di 70 persone hanno ricevuto il battesimo in un altro paese della nostra parrocchia“.

Swapon ha elogiato i catechisti che hanno saputo entrare nel cuore dei nuovi fedeli con il loro lavoro: “Mi sembra che i catechisti abbiano svolto un ruolo molto importante e il loro impegno è stato esemplare: hanno visitato continuamente queste zone remote che possono essere raggiunte solo dopo lunghe ore di cammino. In ogni viaggio rimanevano in città dai 3 ai 7 giorni per proclamare la Parola di Dio. Il resto del lavoro è stato svolto dai sacerdoti insieme alle suore“.

Uno dei responsabili di questi battesimi è Bernabas Hasda, un catechista di 66 anni di origine santal, che da 40 anni svolge questo prezioso compito.

Ci sono enormi opportunità per entrare nel cuore delle persone e avvicinare le popolazioni tribali bengalesi al cristianesimo. I missionari del Pime sono da anni in prima linea in questa regione del Paese. Seguiamo il percorso che hanno tracciato“, ha dichiarato.

Durga Joachim Bassora, un contadino di 40 anni, appena ricevuto il battesimo ha condiviso la sua gioia di ricevere il sacramento. “Prima adorava la natura e gli alberi e, insieme alla tribù, praticava rituali legati alla fertilità della natura. Non aveva un Dio specifico. Ora parlo a Gesù nelle mie preghiere. Credo che grazie a lui otterrò la salvezza. Sono molto felice di aver ricevuto il battesimo“, ha detto l’uomo.

Anche un altro nuovo fedele, Buddhinath Hembrom, ha espresso la sua gioia ringraziando i sacerdoti, le suore e i catechisti per averlo avvicinato a Gesù e avergli donato la gioia del battesimo.

Il Bangladesh è un paese a maggioranza musulmana. Meno dell’1% della popolazione è cristiana. Grazie al lavoro di sacerdoti, religiosi e catechisti, soprattutto in villaggi e regioni remoti, il numero dei fedeli bengalesi sta crescendo nonostante le continue tensioni con la maggioranza musulmana, che spesso sfociano in violenze contro i cristiani.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments