Medico ha inseminato diverse donne con il suo sperma


LA NOTIZIA È VERAMENTE SCANDALOSA E ANCHE QUESTO EPISODIO, UNITO A VARIE ALTRE PROBLEMATICHE LEGATE ALLA INSEMINAZIONE ARTIFICIALE, DOVREBBE FARE APRIRE GLI OCCHI A COLORO CHE RICORRONO A TALI PRATICHE!

Di Angelica La Rosa

Un medico canadese ha inseminato un centinaio di donne con sperma non selezionato dai genitori.

Il dottor Norman Barwin, considerato un grande esperto di fertilità, ha utilizzato il proprio sperma in almeno 17 casi. Adesso la giustizia canadese chiede il pagamento di circa 10 milioni di dollari di risarcimento alle persone colpite.

La notizia è veramente scandalosa e anche questo episodio, unito a varie altre problematiche legate alla inseminazione artificiale, dovrebbe fare aprire gli occhi a coloro che ricorrono a tali pratiche!

Il dottor Norman Barwin è diventato famoso per decenni per il suo lavoro nella sua clinica per la fertilità a Ottawa. Ha anche ricevuto l’Ordine del Canada nel 1997, il più alto riconoscimento civile del paese.

Adesso un tribunale della provincia dell’Ontario, attraverso il giudice Calum MacLeod, ha autorizzato un risarcimento di 13,3 milioni di dollari canadesi (circa 10,7 milioni di dollari statunitensi) per le vittime del medico. Baldwin, infatti, ha inseminato con successo un centinaio di donne con sperma non selezionato dai genitori e, in almeno 17 casi, ha usato il suo liquido seminale.

Rebecca Dixon e i suoi genitori sono stati i primi a intentare la causa. I Dixon aveva fissato un appuntamento con Norman Barwin nel 1989 perché avevano problemi a concepire. Nel 2016 avevano scoperto che il dottore era il padre biologico di Rebecca attraverso un test del DNA, quindi hanno deciso di bussare alle porte della giustizia canadese. Lo scorso luglio, gli avvocati delle vittime e Barwin hanno raggiunto un accordo, ma il documento doveva essere approvato dall’aula del tribunale dell’Ontario, cosa che è accaduta lunedì primo novembre.

Nella sua decisione, il giudice MacLeod ha affermato che l’accordo “è la cosa migliore per tutti”. Tuttavia, ha sottolineato il dolore delle famiglie “che hanno sopportato lo shock, il trauma e il sentimento di tradimento scoprendo che il loro patrimonio genetico o quello dei loro figli è stato travisato e alterato“. Finora, 244 nomi compaiono nell’elenco delle persone che riceveranno gli indennizzi da parte del medico. Il giudice ha stabilito altri 120 giorni per gli altri individui non ancora in elenco per dimostrare di essere stati vittime di Barwin.

Oltre ai bambini e ai genitori, l’accordo include il risarcimento di alcuni uomini che avevano conservato il loro sperma presso la clinica di Barwin e che non sanno se il medico lo abbia utilizzato per le inseminazioni senza autorizzazione. Una parte dell’accordo prevede la creazione di una banca del DNA. Lo studio legale Nelligan Law, in rappresentanza delle vittime, ha indicato in un comunicato che, grazie a questa banca, “gli ex pazienti di Norman Barwin, che gli avevano affidato il loro sperma, e i figli che non conoscono l’identità del loro padre biologico potrà stabilire se ci sono coincidenze genetiche”.

Norman Barwin ha attualmente 82 anni. L’Ontario College of Physicians and Surgeons aveva ritirato la sua licenza professionale solo nel 2019, mentre Barwin si era già dimesso dall’Ordine del Canada nel 2013, quando erano emersi rapporti sulle sue pratiche improprie. Nonostante abbia firmato l’accordo di riparazione, non ha mai accettato la sua responsabilità. I soldi per le vittime, tuttavia, non usciranno dalle sue tasche: saranno pagati dalla Canadian Medical Protection Association. Come si suol dire, oltre il danno la beffa!


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments