Ecco chi è la beata Giovanna da Signa


“I SANTI MANIFESTANO IN DIVERSI MODI LA PRESENZA POTENTE E TRASFORMANTE DEL RISORTO” (BENEDETTO XVI)

Di Mariella Lentini*

 

A Signa la chiamano “La Beata”. E con tale nome è indicata la parte antica e più alta di questo paese toscano che si affaccia sul fiume Arno. Giovanna nasce a Signa (Firenze) intorno al 1266. I suoi genitori sono poveri contadini e la bambina aiuta la famiglia pascolando le pecore. Intorno alla fanciulla accadono fatti strani, anzi, miracolosi. Giovanna prega, è buona, generosa, pensa più agli altri che a se stessa. Diventa famosa perché quando arrivano tuoni, fulmini e grandine, il suo gregge si salva sempre, poiché la pastorella lo raduna sotto un albero e, in maniera prodigiosa, le pecore non vengono bagnate neanche da una goccia d’acqua. Da quel momento tutti gli altri bambini che governano un gregge, quando arriva il temporale, si radunano attorno a Giovanna, rimanendo salvi e, soprattutto, asciutti. La pastorella coglie l’occasione per parlare con semplicità ai suoi amichetti di Gesù e dell’amore cristiano.

Si narra che durante una piena dell’Arno, poiché il ponte è inagibile, Giovanna abbia attraversato il fiume camminando sopra il suo mantello. La giovane decide, poi, di isolarsi dal mondo andando a rifugiarsi in una celletta, detta il “Beatino”, nei pressi del suo paese, vicino all’Arno, ancora oggi visitabile. Fa murare la porta e rimane per sempre lì. Dalla sua finestrella con le inferriate dispensa guarigioni a chi le chiede aiuto, consiglio a chi si tormenta nel dubbio, consolazione a chi è triste. Un giorno una povera donna impasta e inforna una focaccia che le basta a malapena per la cena. Con il cuore colmo di bontà, ne porta un pezzetto a Giovanna. Quale sorpresa per la buona donna quando la sera, al ritorno del marito, si accorge che la focaccia nel forno è tornata intera!

Giovanna guarisce i bambini, che ama tanto. Anche gli animali sono ben voluti dall’eremita. Famoso è il miracolo del passerotto malato, da lei salvato. Nel 1307 improvvisamente le campane della chiesa si mettono a suonare senza l’intervento di nessuno. Il popolo sente che è successo qualcosa di straordinario. Accorre nella celletta di Giovanna e la trova senza vita. Da quel momento altri miracoli avvengono a Signa, come le guarigioni durante le epidemie, così virulente a quei tempi. Oggi Giovanna riposa presso la Chiesa di San Giovanni Battista a Signa. Il paese, tutti gli anni, festeggia la sua protettrice ogni lunedì di Pasquetta, con un corteo storico, figuranti che indossano costumi dell’epoca di Giovanna, la benedizione dei bambini e il volo di alcuni passerotti, a ricordo di uno dei miracoli compiuti dalla “Beata”.

 

* Autrice del libro
“Santi compagni guida per tutti i giorni”


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments