Socialdemocratici tedeschi vogliono il suicidio assistito, più pubblicità per l’aborto e modifica al finanziamento pubblico delle chiese


IL LAICISMO POLITICO AVANZA ANCHE IN GERMANIA!

Di Angelica La Rosa

Si prospettano tempi duri per l’etica cristiana in Germania. Dopo la sconfitta elettorale dei cristiano-democratici e l’uscita di scena di Angela Merkel per sua scelta politica, un gruppo di politici socialdemocratici tedeschi ha chiesto ai potenziali futuri partner di coalizione dell’SPD, cioè i Verdi e i liberali dell’FDP (i tre partiti, insieme, formano quella che è stata chiamata “coalizione semaforo”), di tenere in considerazione questioni e punti di vista più laicisti di quanto non fosse stato preso in considerazione durante il precedente governo, quello della “Grande coalizione” presieduta da Angela Merkel.

Così i socialdemocratici tedeschi hanno chiesto di regolamentare il suicidio assistito, consentire la pubblicità dell’aborto e modificare il finanziamento pubblico delle chiese, l’abolizione delle esenzioni per gli enti legati alle chiese nella Legge di Costituzione dei Lavori, e l’accertamento dei casi di abuso delle chiese da parte degli organi giudiziari dello Stato.

Alcune delle rivendicazioni dei “socialisti laici” hanno una reale possibilità di essere applicate nella coalizione rosso-verde-gialla. Infatti, i tre possibili partner hanno già auspicato, nei rispettivi programmi elettorali, l’abolizione del divieto di pubblicità abortiva e dei cambiamenti circa la legislazione del lavoro nella parte che riguarda le Chiese.

La vicepresidente del Parlamento europeo ed ex ministro federale della Giustizia, Katarina Barley, ha sottolineato, durante la riunione federale della SPD, la sua soddisfazione di poter rappresentare in futuro la voce dei «socialisti laici» in maniera ancor più organizzata.

Il laicismo avanza anche in Germania!

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments