Ecco chi è sant’Ambrogio


di Mariella Lentini*

“I SANTI MANIFESTANO IN DIVERSI MODI LA PRESENZA POTENTE E TRASFORMANTE DEL RISORTO” (BENEDETTO XVI)

Ambrogio nasce in una nobile famiglia di cristiani a Treviri (Germania) nel 339 circa. Il padre è un prefetto dell’Impero romano. Si narra che quando era neonato uno sciame di api si sia avvicinato alla sua bocca, presagio di un futuro grande oratore. Il santo, dalla corporatura esile, i capelli ricci e neri, brillante studente, diventa avvocato. Nel 370 viene nominato governatore di Liguria ed Emilia e poi dell’Italia settentrionale con sede a Milano, allora capitale dell’impero, dove si susseguono duri scontri tra cattolici, pagani e ariani. Quando il vescovo ariano della città Aussenzio muore, il popolo si riunisce per eleggere il suo successore. Sul nome del prescelto nascono dissidi tra cattolici e ariani. Ambrogio cerca di calmare gli animi in qualità di funzionario imperiale. Mentre parla alla folla un bambino grida «Ambrogio vescovo!».

Così, con suo immenso stupore, il 7 dicembre del 374, Ambrogio si vede acclamare vescovo anche se non è stato ancora battezzato. Accetta il nuovo incarico sentendosi indegno, pensando di seguire la volontà di Dio. Si fa battezzare, dona le sue ricchezze ai poveri, conduce vita umile, digiuna, prega e si mette a studiare la Bibbia, scrivendo libri di grande valore. Ambrogio diventa una guida importante per i cristiani. Nonostante la sua salute sia cagionevole, è attivo nel diffondere la “Buona Novella” cioè il Vangelo. Difensore dei deboli vende anche i calici d’oro per riscattare gli schiavi. È il più bravo oratore del suo tempo ed artefice della conversione di Sant’Agostino. Il vescovo è un abile diplomatico e, appoggiato dal popolo che lo ama per la sua bontà, risolve i contrasti tra ariani, pagani e cattolici e lotta contro i potenti, come l’imperatore romano Valentiniano II e sua madre Giustina di religione ariana.

Sant’Ambrogio induce, poi, gli imperatori Teodosio I, Graziano e Valentiniano II a proclamare religione di Stato il Cristianesimo (Editto di Tessalonica del 27 febbraio 380) e nel 390 ottiene il pentimento pubblico dell’imperatore Teodosio I, in seguito al feroce massacro di innocenti compiuto a Tessalonica (odierna Salonicco, Grecia). Sant’Ambrogio muore a Milano nel 397 e qui viene accolto, nella basilica a lui intitolata. Patrono di Milano e della Lombardia, proclamato dottore della Chiesa, è il primo ad introdurre i canti sacri come forma di preghiera per implorare, lodare, ringraziare. Compone inni in uno stile musicale da lui ideato chiamato “Canto ambrosiano”. Protegge gli apicoltori e i vescovi.

 

 

* Autrice del libro
“Santi compagni guida per tutti i giorni”


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments