Ecco chi è il venerabile Attilio Giordani


di Mariella Lentini*

I SANTI MANIFESTANO IN DIVERSI MODI LA PRESENZA POTENTE E TRASFORMANTE DEL RISORTO” (BENEDETTO XVI)

 

Uomo del nostro tempo, Attilio Giordani nasce a Milano nel 1913. Suo padre, Arturo, è un ferroviere, la madre Amalia Marucco è una casalinga con tre figli da accudire. Attilio è un ragazzo pieno di risorse: esuberante, gioioso, sempre di buonumore. Frequenta la parrocchia di Sant’Agostino e l’oratorio dove gioca assieme ai suoi coetanei. Entra in contatto con il “metodo preventivo” di educazione promosso da San Giovanni Bosco che egli stesso mette in pratica, diventando catechista e animatore dell’oratorio.

Geniale e creativo, Attilio inventa sempre nuovi modi per far divertire i suoi ragazzi: gite, passeggiate, escursioni in montagna, eventi musicali, rappresentazioni teatrali alle quali partecipa come attore applauditissimo. E parla loro dell’amore di Gesù, del suo messaggio di fratellanza. Attilio parte per il servizio militare dove porta gioia e una parola buona ai propri compagni, impegnati ad affrontare la Seconda guerra mondiale. Si fidanza con Noemi Davanzo, conosciuta in oratorio. La coppia condivide gli stessi ideali. Si sposano e mettono al mondo tre figli: Piergiorgio, Maria Grazia e Paola. Attilio, impiegato presso la Pirelli di Milano, è un lavoratore operoso e attento e anche tra i suoi colleghi non manca di trasmettere l’allegria e i valori in cui crede.

Ogni mattina, alle ore 6,30, prima di recarsi al grattacielo “Pirellone”, va a Messa e ogni sera, in casa Giordani, dove regnano l’amore e l’ottimismo, si prega tutti insieme. Non vivono nel lusso e aiutano come possono i più poveri. Continua, intanto, l’attività in oratorio. Attilio sa che i giovani hanno estremo bisogno di avere una guida, una bussola che li orienti verso un futuro che li realizzi. Egli dà ai giovani la risposta ai loro perché, dando l’esempio per primo: preghiera, lavoro, sano divertimento, carità. Inventa anche la “Crociata della Bontà”, iniziativa che vede impegnati i giovani in azioni a favore dei bisognosi.

A cinquantanove anni, assieme alla moglie, parte missionario in Brasile. Ad attenderlo ci sono i tre figli, volontari dell’Operazione “Mato Grosso” (movimento giovanile missionario svolto in America Latina). A Campo Grande (Brasile), il 18 dicembre 1972, mentre papà Attilio sta parlando in una riunione di quanto sia importante dare la vita per gli altri, all’improvviso si accascia. È un infarto. Prima di morire rivolge alcune parole al figlio Piergiorgio: «Continua tu…». E quel «continua tu…» è la frase indirizzata a ciascuno di noi. Il suo corpo oggi riposa a Milano, nella Chiesa di Sant’Agostino.

 

* Autrice del libro
“Santi compagni guida per tutti i giorni”


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments