Dobbiamo trasmettere la fede vera, quella che Gesù Cristo ci ha trasmesso attraverso il magistero autentico


di don Ruggero Gorletti

COMMENTO AL VANGELO DI VENERDI’ 28 GENNAIO 2022

Dal Vangelo secondo san Marco 4,26-34

 

In quel tempo, Gesù diceva [alla folla]: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».
Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».
Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.

COMMENTO

La parabola del seme che cresce: c’è un periodo di silenzio nella crescita della pianta, che può essere più o meno lungo. In quel periodo l’uomo non può agire. Può solo aspettare. Così è anche nella vita di fede. Molto spesso si sentono persone di una certa età che dicono: «io ai miei figli, ormai adulti, ho cercato di dare un insegnamento religioso, ma adesso si sono allontanati dalla pratica cristiana». La similitudine della parabola vale per quello che dice, non possiamo farle dire di più: un uomo non è una pianta, e l’uomo può decidere liberamente delle proprie azioni, la pianta invece no. Ma come il contadino mette il seme nel terreno, così è necessario che anche noi mettiamo il seme della parola di Dio là dove la Provvidenza ci ha posti. Se abbiamo piantato il seme giusto, se il terreno, che è la persona, non rifiuta il seme, la pianta prima o poi cresce. Non possiamo fare molto quando una persona, che ha ricevuto da noi un insegnamento cristiano, non lo mette in pratica. Però possiamo e dobbiamo seminare: quello è un compito che spetta a noi. E seminare un seme buono: se il contadino, invece di un seme, mette sotto terra un sasso, può aspettare anche cento anni, ma non vedrà nascere nessuna pianta. Se noi trasmettiamo la fede vera, quella che Gesù Cristo ci ha trasmesso attraverso il magistero autentico della Chiesa, stiamo seminando un seme. Se parliamo di una fede diversa, una fede che dica: «la Chiesa dice così, ma io la penso cosà», oppure che insegni un Cristianesimo che non sia una cosa seria, che non incida nelle scelte concrete della vita, non stiamo seminando un seme, ma stiamo seminando un sasso, e non possiamo stupirci che la pianta non cresca.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments