“Pensieri dal Nyokodo”, “Parola di ragazzo” e “Ribellatevi!”


di Angelica La Rosa

LE ULTIME TRE USCITE EDITORIALI DELLE EDIZIONI SAN PAOLO SULL’AUDACIA DI UN CUORE CHE OGNI MATTINO SI RIMETTE ALL’OPERA, IL GRIDO DI RIVOLTA CONTRO LA GUERRA, LA POVERTÀ E L’INDIFFERENZA DEL CANDIDATO AL NOBEL PER LA PACE E LE 15 PASSWORD PER ENTRARE IN DIALOGO CON GLI ADOLESCENTI 

Il Nyokodo, il “luogo dell’amore a se stessi”, è una piccolissima capanna di legno, di soli quattro metri quadrati, costruita nel cuore del quartiere di Nagasaki ridotto in cenere dalla bomba atomica. È in quella dimora che Takashi Paolo Nagai trascorse gli ultimi anni di vita, in ricercata povertà materiale e di spirito, immobilizzato a letto dalla leucemia, ma in una corsa inarrestabile alla scoperta di sé e del significato della vita e della morte. Qui scrisse libri e accolse centinaia di visitatori, sempre testimoniando come la fede e la speranza cristiane siano in grado di vincere la
distruzione della guerra e della morte e riportare vita e pace in un mondo che sembrava annientato per sempre.

“Pensieri dal Nyokodo – L’audacia di un cuore che ogni mattino si rimette all’opera” (Edizioni San Paolo, pagine 304, € 18) raccoglie dei brevi scritti di Takashi Paolo Nagai, meditazioni e lettere tradotti per la prima volta dal giapponese. È un’opera preziosissima per seguire, in familiare intimità con lui, i passi di Takashi verso l’incontro finale con Cristo.

Takashi Paolo Nagai (1908-1951), medico convertito al cristianesimo, sopravvisse allo scoppio della bomba atomica di Nagasaki a causa della quale perse la moglie Midori e tutti i suoi averi. Raccontò di sé e della sua esperienza in numerosi libri divenuti best seller in Giappone e nel resto del mondo. Morì nel maggio 1951 in odore di santità.

In un mondo in crisi, che ha nostalgia di grandi figure come l’Abbé Pierre, Madre Teresa di Calcutta o suor Emmanuelle, padre Pedro sembra davvero essere il loro successore. Ben nota è la lotta che conduce da trent’anni contro la povertà in Madagascar, attraverso l’associazione Akamasoa, come pure la sua bontà, e generosità. Chi lo conosce, però, ha esperienza anche del suo carattere forte, della sua sincerità senza peli sulla lingua, della sua “santa collera”.

In “Ribellatevi! – Il grido di rivolta contro la guerra, la povertà e l’indifferenza del candidato al Nobel per la pace” (Edizioni San Paolo, pagine 144, € 14) padre Opeka Pedro, insieme a Pierre Lunel, riflettono sui temi che stanno loro maggiormente a cuore: la scuola per tutti, la questione dei rifugiati, la guerra giusta, la decadenza della politica, il ruolo delle donne, la democrazia ecc.

Ogni argomento è trattato senza far concessioni al politicamente corretto e, quando necessario, con indignazione che non può lasciarci indifferenti. Ne viene il messaggio forte di un insorto, che non smette di risvegliare le nostre coscienze.

“Parola di ragazzo – 15 password per entrare in dialogo con gli adolescenti” (Edizioni San Paolo, pagine 160, € 14), di Barbara Baffetti è un diario a più voci, compagno di viaggio, breviario minimo, mappa operativa per accompagnare i ragazzi in quella “età di mezzo” che è l’esordio dell’adolescenza.

Questo libro ha più dimensioni, riflessive e operative, offerte da un’esperta che lavora quotidianamente nelle scuole attraverso laboratori di affettività e stanze di dialogo con ragazzi e famiglie.

Il filo che unisce ciascun capitolo sono 15 password, parole chiave per “entrare in connessione” e affrontare insieme (tra genitori e figli, ma anche in esperienze di gruppo e di oratorio) la fatica di crescere, le domande scomode, le emozioni, i progetti e le speranze di una vita tutta da vivere.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments