Guerra, l’on. Comencini (Lega): “Politica accolga l’appello del Papa”


di Angelica La Rosa

IL DEPUTATO VENETO: “DA GIORNI IL SEGRETARIO DELLA LEGA MATTEO SALVINI CHIEDE DI INTERROMPERE LA FORNITURA DI ARMAMENTI A KIEV. OCCORRE FERMARE IL CONFLITTO, NON ALIMENTARLO”

“Sul conflitto in Ucraina la penso come Papa Francesco. Occorre posare le armi e lavorare seriamente per il cessate il fuoco. La politica accolga l’appello del Pontefice”.

Lo afferma il deputato della Lega Salvini Premier Vito Comencini, che sottolinea: “È molto positivo che si stia sempre più allargando il fronte politico e sociale di coloro che dicono no all’invio di nuove armi in Ucraina. All’inizio del conflitto la mia sembrava essere una delle poche voci solate, invece col tempo sia la politica che i cittadini si sono resi conto che la strada per la pace è un’altra rispetto alla strategia di Stati Uniti e Unione Europea. Da giorni il segretario della Lega Matteo Salvini chiede di interrompere la fornitura di armamenti a Kiev. Occorre fermare il conflitto, non alimentarlo”.

Nei giorni scorsi Papa Francesco ha dichiarato che “l’abbaiare della Nato alla porta della Russia” avrebbe indotto il capo del Cremlino a reagire. Secondo l’On. Comencini, che fa parte della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei Deputati, “occorre andare oltre alla divisione tra cosiddetti filorussi e filoucraini e lavorare seriamente con le armi della diplomazia. Sono importanti la disponibilità di Papa Francesco a incontrare Putin e l’apertura in queste ultime ore da parte di Mosca. Occorre essere al fianco dei popoli, che, indistintamente, stanno pagando a caro prezzo per questo conflitto che ha radici lontane”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments