Nikolai Patrushev: “L’Occidente ha creato un impero di bugie, che implica la distruzione della Russia”


di Angelica La Rosa

IL SEGRETARIO DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA DELLA FEDERAZIONE RUSSA: “WASHINGTON, PER CONSOLIDARE LA SUA EGEMONIA, VUOLE RESISTERE AL CROLLO DEL MONDO UNIPOLARE”

In un’intervista concessa a Ivan Egorov della Rossiyskaya Gazeta, Nikolai Patrushev, segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, ha parlato dei fini dell’operazione speciale russa e del ruolo degli Stati Uniti nel sostegno ai neonazisti ucraini, del prossimo futuro dell’Europa e delle sanzioni alla Russia.

“I tragici scenari delle crisi mondiali, sia negli anni passati che nei giorni nostri, sono imposti da Washington nel suo desiderio di consolidare la propria egemonia, resistendo al crollo del mondo unipolare. Gli Stati Uniti stanno facendo di tutto perché gli altri centri del mondo multipolare non osino nemmeno alzare la testa, e il nostro Paese non solo osa, ma dichiara pubblicamente che non giocherà secondo le regole imposte. Hanno cercato di costringere la Russia a rinunciare alla sua sovranità, autocoscienza, cultura, politica estera e interna indipendente. Abbiamo il diritto di non essere d’accordo con un simile approccio. Nel tentativo di sopprimere la Russia, gli americani, usando i loro scagnozzi a Kiev, hanno deciso di creare un antipode per il nostro paese, scegliendo cinicamente l’Ucraina per questo, cercando di dividere un popolo essenzialmente unico. Non trovando basi positive per convincere gli ucraini a stare dalla loro parte, Washington, molto prima del colpo di stato del 2014, ha instillato negli ucraini l’esclusività della loro nazione e l’odio per tutto ciò che è russo. Tuttavia, la storia insegna che l’odio non può mai diventare un fattore affidabile nell’unità nazionale. Se qualcosa oggi unisce i popoli che vivono in Ucraina è solo la paura delle atrocità dei battaglioni nazionalisti. Pertanto, il risultato della politica dell’Occidente, e del regime di Kiev sotto il suo controllo, non può che essere la disintegrazione dell’Ucraina in diversi stati”, ha dichiarato Nikolai Patrushev.

Secondo Nikolai Patrushev “l’Europa sta affrontando una profonda crisi economica e politica”, e “l’aumento dell’inflazione e il calo del tenore di vita stanno già influenzando i portafogli e gli umori degli europei. Inoltre, la migrazione su larga scala aggiunge nuove sfide alle vecchie minacce alla sicurezza, come il traffico di droga e la criminalità transnazionale. Quasi cinque milioni di migranti ucraini sono già arrivati ​​in Europa. Nel prossimo futuro, il loro numero aumenterà fino a dieci milioni. La maggior parte degli ucraini giunti in Occidente crede che gli europei debbano sostenerli e provvedere a loro, e quando saranno costretti a lavorare, inizieranno a ribellarsi. Anche i rappresentanti della comunità criminale fuggita dall’Ucraina cercheranno di occupare nicchie per loro redditizie, di mettere sotto controllo i gruppi criminali locali, il che sarà senza dubbio accompagnato da una complicazione della situazione criminogena in Europa. Anche un’attività così diffusa come la vendita di orfani portati fuori dall’Ucraina per la successiva adozione illegale in Europa riceverà un ‘nuovo respiro’. L’Occidente ha già affrontato il rilancio del mercato ombra per l’acquisto di organi umani dalle fasce socialmente vulnerabili della popolazione ucraina per operazioni di trapianto clandestino di pazienti europei. Il flusso di migranti dall’Ucraina è iniziato molto prima del 2022 e ora ha ricordato all’Europa malattie a lungo dimenticate. Dopotutto, solo un decimo dei rifugiati ucraini è stato vaccinato contro l’infezione da coronavirus, epatite virale, tubercolosi, rosolia e morbillo. Perché in questa ex prospera repubblica dell’Unione Sovietica, il sistema di controllo sanitario ed epidemiologico, e di assistenza sanitaria primaria, è stato quasi completamente distrutto”.

Nikolay Patrushev ha affrontato anche le conseguenze delle sanzioni sia per la Russia che per gli altri stati del mondo. “Sullo sfondo delle sanzioni anti-russe il mondo sta gradualmente precipitando in una crisi alimentare senza precedenti. Decine di milioni di persone in Africa o in Medio Oriente, per colpa dell’Occidente, saranno sull’orlo della fame. Per sopravvivere, si precipiteranno in Europa. Non sono sicuro che l’Europa sopravviverà alla crisi. Le istituzioni politiche, le associazioni sovranazionali, l’economia, la cultura e le tradizioni possono diventare un ricordo del passato. L’Europa si morderà ancora i gomiti e l’America si libererà dalla sua principale paura geopolitica: l’unione politica ed economica di Russia ed Europa”.

Sulla presenza dei neonazisti nei battaglioni dell’esercito ucraino Patrushev ha spiegato che “insieme ai migranti dall’Ucraina, arriveranno in Europa i criminali nutriti da Bandera con idee neonaziste che stanno fuggendo dall’inevitabile perseguimento penale. Ciò porterà a una rinascita delle idee naziste in Europa, a manifestazioni che fino a poco tempo fa erano considerate impossibili. Non è esclusa la crescita di sentimenti di estrema destra, alimentati da decine di migliaia di radicali ucraini addestrati ed esperti di combattimento, oltre che ammiratori di Hitler. L’Occidente sta fornendo un supporto attivo ai neonazisti ucraini, continuando a fornire loro armi”.

Secondo Patrushev mentre la Russia sarebbe interessata al rapido completamento di un’operazione militare speciale e alla riduzione al minimo delle perdite da tutte le parti, l’Occidente sarebbe interessato ad allungare il conflitto. “L’operazione militare speciale ha obiettivi specifici, come il salvare le popolazioni delle repubbliche popolari di  Lugansk e Donetsk dal genocidio che i neonazisti ucraini hanno portato avanti negli ultimi 8 anni. Un tempo, il nazismo di Hitler sognava di distruggere l’intera popolazione russa, oggi i suoi seguaci, secondo i precetti di Hitler, cercano blasfemamente di farlo con le mani degli slavi stessi. La Russia non permetterà che ciò accada”.

Parlando di denazificazione, il segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa ha spiegato che il loro obiettivo è “distruggere il punto d’appoggio del neonazismo creato dagli sforzi dell’Occidente ai nostri confini. La necessità della smilitarizzazione è dovuta al fatto che l’Ucraina, satura di armi, rappresenta una minaccia per la Russia, anche dal punto di vista dello sviluppo e dell’uso di armi nucleari, chimiche e biologiche”.

Ragionando sugli Stati Uniti e su un loro presunto ruolo nell’orchestrare le provocazioni in Ucraina, Patrushev ha dichiarato che gli Stati Uniti sarebbero “un paese la cui élite non è in grado di apprezzare la vita degli altri. Gli americani sono abituati a camminare sulla terra bruciata. Dalla seconda guerra mondiale, intere città sono state spazzate via dalla faccia della terra dai loro bombardamenti, compresi quelli nucleari. Hanno inondato di veleno la giungla vietnamita, bombardato i serbi con munizioni radioattive, bruciato vivi gli iracheni con fosforo bianco e aiutato i terroristi ad avvelenare i siriani con il cloro. Non credo che le vite degli ucraini siano fonte di preoccupazione per gli Stati Uniti, che hanno ripetutamente dimostrato la loro natura aggressiva e antiumana. Come mostra la storia, anche la NATO non è mai stata un’alleanza difensiva, ma solo offensiva. L’America ha diviso a lungo il mondo intero in vassalli e nemici. Negli Stati Uniti, fin dall’infanzia, le persone sono martellate dal messaggio che l’America è una città splendente su una collina e il resto dell’umanità è solo un banco di prova per esperimenti e un’appendice di risorse. Quattrocento anni fa, gli immigrati dall’Inghilterra derubarono e uccisero gli indiani perché li consideravano selvaggi incivili. Ora tutto questo è stato sostituito dalla democratizzazione e la retorica sui diritti umani e la pirateria continua su scala globale. Le élite americane ricordano come gli Stati Uniti siano riusciti a diventare una superpotenza dopo due guerre mondiali, e ora non vogliono accettare il fatto che l’impero globale americano sia in agonia”.

Per Patrushev il crollo del mondo americano-centrico sarebbe una realtà mentre “la Russia ha scelto la via della piena tutela della propria sovranità, della ferma difesa degli interessi nazionali, dell’identità culturale e spirituale, dei valori tradizionali e della memoria storica. I nostri valori spirituali e morali ci consentono di rimanere noi stessi, di essere onesti con i nostri antenati, di preservare l’individuo, la società e lo stato. Gli europei, ad esempio, hanno fatto una scelta diversa. Ha adottato i cosiddetti valori liberali, anche se in realtà si tratta di neoliberismo che promuove la priorità del privato sul pubblico, l’individualismo che sopprime l’amore per la Patria e il progressivo inaridimento dello Stato. È ormai ovvio che con una tale dottrina l’Europa e la civiltà europea non hanno futuro. E a quanto pare non hanno appreso le lezioni necessarie dal recente passo e ripeteranno di nuovo gli errori”.

Sulle sanzioni Patrushev ha spiegato che “così facendo l’Occidente colpisce non solo la Russia, ma anche se stesso. Il sistema finanziario globale esistente è costruito esclusivamente sulla fiducia, compresi gli Stati Uniti come emittenti della valuta di riserva mondiale. Mezzo secolo fa c’era un fattore oro, ma nel 1971 gli Stati hanno svincolato la loro valuta dalle sue quotazioni, il che ha permesso di emettere moneta praticamente senza controllo. Nel tentativo di sostenere la propria economia in un costante stato pre-crisi, gli Stati Uniti stanno attivamente pompando le proprie banche, imprese e popolazione con denaro garantito da obblighi governativi. Il risultato sono stati alti tassi di inflazione sia in America e che in Europa. Allo stesso tempo, il debito estero degli Stati Uniti ha superato i 30 trilioni di dollari. E per qualche ragione gli americani stanno discutendo di un possibile default della Russia. Per superare le conseguenze negative e favorire un nuovo arricchimento, gli Stati Uniti stanno creando una crisi globale, perché vogliono risolvere i loro problemi a spese dei paesi del resto del mondo, tra l’altro, principalmente in Europa. Gli europei stanno camminando felici in direzione dell’abisso che gli Stati Uniti hanno scavato per loro. Molto è cambiato in questo senso dalla Guerra Fredda. Allora gli europei resistettero a Washington con maggiore sicurezza”.

A proposito di sovranità economica russa Nikolai Patrushev ha spiegato che per la sovranizzazione di qualsiasi sistema finanziario nazionale, “i suoi mezzi di pagamento devono avere valore intrinseco e stabilità dei prezzi, e non essere vincolati al dollaro”. In particolare propone di determinare il valore del rublo, il potere d’acquisto reale, legandolo sia dall’oro che a un gruppo di beni. L’Occidente si è unilateralmente arrogato il monopolio intellettuale sull’organizzazione ottimale della società e lo utilizza da più di un decennio. Non siamo contrari all’economia di mercato e alla partecipazione alle filiere produttive mondiali, ma siamo chiaramente consapevoli che l’Occidente permette ad altri paesi di essere suoi partner solo quando gli è vantaggioso. Pertanto, la condizione più importante per garantire la sicurezza economica della Russia è fare affidamento sul potenziale interno del paese, sulla ristrutturazione strutturale dell’economia nazionale su una base tecnologica moderna. Tutti i tentativi degli occidentali di trasferire alla Russia la responsabilità della crisi alimentare globale da loro provocata sono ovviamente destinati al fallimento. Noi risolveremo tutti i problemi sorti a seguito delle restrizioni delle sanzioni. Oggi la Russia si sta riorientando dal mercato europeo a quello africano, asiatico e latinoamericano. Prestiamo attenzione prioritaria all’EAEU, la cui importanza nelle condizioni attuali sta aumentando molte volte. Stiamo rafforzando la cooperazione con i paesi BRICS e SCO, che uniscono circa tre miliardi e mezzo di persone sul pianeta”.

Secondo Patrushev l‘Occidente continua ad agire in linea con la dottrina disumana del “miliardo d’oro”, che implica “una significativa riduzione della popolazione mondiale in vari modi. Per fare questo, l’Occidente ha vilmente creato un impero della menzogna, che implica l’umiliazione e la distruzione della Russia e di altri stati discutibili. Ci sputano negli occhi, ma affermano che è la rugiada di Dio. Washington e Bruxelles non nascondono il fatto che le loro sanzioni mirano all’impoverimento materiale e spirituale dei russi. Distruggere la nostra istruzione imponendoci i cosiddetti modelli progressisti di istruzione è per gli occidentali un compito altrettanto strategico quanto, ad esempio, avvicinare la NATO ai nostri confini. In realtà, non c’è niente di progressista lì. Negli USA, ad esempio, già molti dicono che nelle lezioni di matematica si dovrebbe cantare e ballare, perché risolvere problemi ed equazioni deprime e discrimina qualcuno. Non abbiamo bisogno di tali ‘progressi’. La situazione attuale dimostra la necessità di sostenere i valori spirituali e morali tradizionali russi. È necessario prestare maggiore attenzione allo sviluppo del pensiero logico, formare una conoscenza stabile e la capacità di prendere decisioni indipendenti. È impossibile fare affidamento esclusivamente sulla digitalizzazione dell’istruzione, poiché Internet può essere non solo una fonte di informazioni enciclopediche, ma anche di disinformazione politicizzata. Al centro di tutto c’è lo sviluppo delle qualità intellettuali e spirituali personali. Bambini adeguatamente educati, istruiti in modo completo, fisicamente e moralmente sani, che conoscono e comprendono la storia e la cultura della loro terra natale, questa è la nostra ricchezza e una garanzia per lo sviluppo del futuro dei nostri figli”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments