Quella con Gesù è un’amicizia particolare


di don Ruggero Gorletti

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO DI VENERDÌ 20 MAGGIO 2022 

Dal vangelo secondo san Giovanni (15, 12-17)

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici.
Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

COMMENTO

«Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando». Un’amicizia davvero particolare quella con Gesù: sei mio amico se fai quello che ti ordino! Ma non è una frase senza senso! Il Signore ci ama davvero, ci stima, al punto di averci fatto oggetto della sua predilezione («non voi avete scelto me ma io ho scelto voi»), nutre per noi l’amore più grande e più vero («nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici»), ma ci avvisa che per rimanere nella sua amicizia, nel suo amore, è necessario obbedire alla sua parola. Sembra un controsenso, ma non è così: le parole del Signore, i suoi insegnamenti, i suoi comandi, sono spirito e vita. Ci permettono di vivere in pienezza, evitando il peccato, che fa male alla nostra umanità, che deturpa la nostra stessa identità di esseri creati ad immagine e somiglianza di Dio. Per questo ci chiede di fare ciò che comanda: perché è solo nell’obbedienza alla volontà di Dio che noi possiamo davvero essere noi stessi e possiamo davvero essere felici.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments