Con la salita al Cielo Gesù anticipa il nostro destino eterno


di don Ruggero Gorletti

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO DI GIOVEDÌ 26 MAGGIO 2022

Dal vangelo secondo san Giovanni (16, 16-20)

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete».
Allora alcuni dei suoi discepoli dissero tra loro: «Che cos’è questo che ci dice: “Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete”, e: “Io me ne vado al Padre”?». Dicevano perciò: «Che cos’è questo “un poco”, di cui parla? Non comprendiamo quello che vuol dire».
Gesù capì che volevano interrogarlo e disse loro: «State indagando tra voi perché ho detto: “Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete”? In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia».

COMMENTO

«Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete». È una frase misteriosa, che infatti i discepoli non comprendono. Gesù se ne va, ma non per questo c’è da piangere. C’è invece da rallegrarsi. Rallegrarsi per Lui, perché Gesù va dal Padre, torna nella gloria dei cieli, portando con sé quella carne umana, creata nel grembo della Vergine Maria, quella carne umana ormai indissolubilmente legata alla persona divina del Verbo. E c’è da rallegrarsi per noi, perché il Signore, andandosene, non ci lascia soli («Io sarò con voi tutti i giorni, sino alla fine del mondo», Matteo 18,20), ci dona lo Spirito Santo e ci fa vivere l’esperienza della Chiesa, suo mistico corpo.  «La vostra tristezza si cambierà in gioia»: in gioia, perché Gesù che sale al cielo anticipa il nostro destino eterno, che è quello, se non rifiutiamo la sua offerta d’amore, della gioia eterna del paradiso.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments