Incostituzionali le nozze gay: il Giappone saprà resistere alle lobby Lgbt?


di Angelica La Rosa

IL CASO DELLE NOZZE GAY ARRIVERÀ ALLA CORTE SUPREMA GIAPPONESE

Un tribunale giapponese ha stabilito che il divieto di matrimonio tra persone dello stesso sesso del Paese asiatico non viola la costituzione, respingendo le richieste di risarcimento di tre coppie gay che hanno affermato che i loro diritti all’unione e all’uguaglianza sarebbero stati violati.

La sentenza del tribunale distrettuale di Osaka è la seconda ad essere emessa su questo argomento, e differisce, però, da quella emessa lo scorso anno da un tribunale di Sapporo che considerava incostituzionale il divieto di matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Entrambe le sentenze riflettono la divisione che permane sulla questione in Giappone, l’unico membro del G7,  gruppo composto dai maggiori paesi industrializzati, che non riconosce le unioni omosessuali.

È probabile che la questione raggiunga la Corte Suprema del Giappone (最高裁判所 Saikō-Saibansho), abbreviata in 最高裁 Saikō-Sai, con sede a Chiyoda, Tokyo, che è la massima autorità giudiziaria del Giappone.

La Corte è la massima autorità giudiziaria che decide sull’applicazione della Costituzione e su tutte le questioni giuridiche, comprese le ordinanze municipali.

Nella sua sentenza, il tribunale di Osaka ha respinto la richiesta dei querelanti di 1 milione di yen ($ 7.400) di danni per coppia per discriminazione nei loro confronti.

I querelanti – due coppie di maschi e una coppia di lesbiche – sono tra 14 coppie dello stesso sesso che avevano intentato cause contro il governo in cinque grandi città – Sapporo, Tokyo, Nagoya, Fukuoka e Osaka – nel 2019 per aver violato i diritti di libera unione e uguaglianza.

Sostenevano di essere state illegalmente discriminate perché private degli stessi benefici economici e legali di cui godono le coppie eterosessuali attraverso il matrimonio.

I gruppi per i diritti LGBT+ avevano spinto per l’approvazione di una legge sull’uguaglianza prima delle Olimpiadi di Tokyo della scorsa estate, quando l’attenzione internazionale si era concentrata sul Giappone, ma il disegno di legge era stato annullato dal partito conservatore al potere.

Il tribunale di Osaka ha stabilito che la libertà di matrimonio nella Costituzione del 1947 si riferisce solo alle unioni tra uomini e donne e non include le unioni tra persone dello stesso sesso, quindi il divieto di matrimoni tra persone dello stesso sesso non è incostituzionale.

Il giudice Fumi Doi ha affermato che il matrimonio per coppie eterosessuali è un sistema stabilito dalla società per proteggere una relazione tra uomini e donne che partoriscono e allevano figli e che i modi per proteggere le relazioni omosessuali sono ancora oggetto di discussione pubblica.

Secondo le norme vigenti in Giappone, le coppie dello stesso sesso non possono ereditare reciprocamente la proprietà, la casa o altri beni che condividono, e non hanno diritti genitoriali sui figli dell’altro. Spesso è loro vietato affittare appartamenti insieme, usufruire di visite ospedaliere e altri servizi a disposizione delle coppie sposate eterosessuali.

Più di 200 comuni in tutto il Giappone, il 12% del totale, hanno iniziato a rilasciare certificati sindacali non vincolanti per le coppie dello stesso sesso da quando il distretto di Shibuya di Tokyo è stato il primo a farlo nel 2015.

Il governo metropolitano di Tokyo ha recentemente adottato un piano per accettare le registrazioni per le coppie di minoranze sessuali che desiderano ottenere certificati di matrimonio.

Tuttavia, questo certificato non ha lo stesso valore di un certificato di matrimonio e non fornisce la stessa protezione legale.

Attualmente, Taiwan è l’unico territorio asiatico che ha legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments