Simón Castellví: “siamo medici per aiutare mamme e bambini, non per fare eugenetica con l’aborto”


a cura di Angelica La Rosa

IL DOTTOR JOSÉ MARÍA SIMÓN CASTELLVÍ: L’ABORTO INDOTTO “È DIVENTATO POPOLARE CON QUALSIASI SCUSA. UN MEDICO NON PUÒ ACCETTARLO”

Il dottor José María Simón Castellví (nella foto con Papa Francessco), membro della Reale Accademia di Medicina della Catalogna e della Reale Accademia Europea dei Medici, nonché Presidente Emerito della Federazione Internazionale delle Associazioni Mediche Cattoliche, intervistato da Javier Navascues per il portale di lingua spagnola InfoCatolica ha spiega che il ribaltamento della famosa sentenza Roe vs. Wade ad opera della Corte Suprema Statunitense è “la prima buona notizia globale da quando ho iniziato a Medicina negli anni 80. Poi è iniziato l’aborto in Spagna e c’erano pochi studenti che difendevano la vita dei non nati. Questo ha avuto un grande impatto su di me e ho deciso di fare qualcosa in più, mi sono unito a Jovenes Pro Vida e Médicos Cristianos de Cataluña”.

Il dottor José María Simón Castellví ha spiegato che anno dopo anno ha visto come l’aborto indotto “è diventato popolare con qualsiasi scusa. Un medico non può accettarlo. Siamo qui per aiutare mamme e bambini. Non fare eugenetica scartando coloro che danno fastidio o sono disabili”.

“Negli Stati Uniti c’è un vigoroso movimento a favore della vita nascente. Questo ha influenzato la Corte Suprema”, ha spiegato il medico. “Ma c’è stato anche il fatto che alcuni giudici onesti non possono dire che chi ha scritto la costituzione dell’Unione voleva che l’aborto fosse un diritto. Quelle persone sarebbero inorridite da ciò che sta accadendo oggi. Nella società del tempo, sbarazzarsi del neonato era visto come un male assoluto”.

Come è noto la sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti aiuterà gli stati (ce ne sono già 26) a legiferare a favore della vita e aiuterà le famiglie ad avere i figli che concepiscono. “È un passo avanti come non si vedeva da decenni. Inoltre, la legge ha un valore pedagogico e spero che aiuti a vedere i non nati come esseri umani veramente innocenti. C’è un’opera di anni (dello Spirito Santo e di tante persone). Infatti, deputati e senatori vi sono preparati e sostenuti per difendere la vita e la famiglia. Nonostante quello che propugnano da Hollywood”, ha spiegato Simón Castellví.

Secondo l’importante medico spagnolo ci sono tre soluzioni per combattere l’aborto indotto: una buona ostetricia, una buona assistenza sociale e una buona preghiera. “Tutte e tre sono necessarie. Siamo corpo e anima. e viviamo nella società. Con una buona ostetricia (medici che lavorano per madre e bambino) e assistenza sociale, le persone di buona volontà non si lasciano vincere dalla tentazione dell’aborto. Ma non dobbiamo dimenticare che qualcosa di così orribile, come strappare un essere umano dal grembo di sua madre, è accettato solo se uno è lontano da Dio e vicino al diavolo. Per essere vicini a Dio, la preghiera e i sacramenti sono essenziali”.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments