Draghi mollerà al venturo governo di centrodestra un’eredità disastrosa

Draghi mollerà al venturo governo di centrodestra un’eredità disastrosa

di Diego Torre

L’AMORE PER IL “DRAGO” E I MISTERI DELL’ANIMO ITALIANO

Recentemente in TV un commerciante, comprensibilmente e visibilmente affranto, denunciava l’aumento vertiginoso delle bollette di energia elettrica, mese dopo mese, e si rammaricava che l’unico uomo autorevole che avevamo nel mondo fosse stato mandato a casa dalla “politica”. Ma nei mesi indicati da quel signore era proprio quell’uomo autorevole il capo del governo, col sostegno di tutta la politica …. E lo è ancora.

Quel commerciante, di cui era palese la sofferenza e la buonafede, è uno dei tantissimi italiani che mettono ancora Mario Draghi in cima al gradimento degli uomini politici. Ma la crisi del gas è iniziata, e continua, mentre a Palazzo Chigi risiede lui. Ed è iniziata prima ancora della guerra in Ucraina.

E mentre tutti invocano interventi e gli danno ogni delega (se ve ne fosse bisogno) per formularli, essi non arrivano. Perché? Per non aumentare il debito pubblico? Il governo Conte bis ha utilizzato 5 volte lo scostamento di bilancio per complessivi 140 miliardi. Draghi una sola volta per 40 miliardi. Ora ne servono “appena” una decina.

Insegnava il divo Giulio: “A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”. “San” Mario Draghi si è già dimesso da Presidente del Consiglio temendo le vampate socioeconomiche di un autunno che sarà ancora più caldo del clima di questa estate, rischiando di arrostire chi sarà al timone del paese. Non è che vuole mollare al venturo governo di centrodestra un’eredità ancora peggiore di quella già accumulata negli ultimi tempi? Egli, dopo 18 mesi da premier indiscusso ed osannato, lascerà, come tutti paventano, un’Italia a pezzi, con tensioni sociali, aziende fallite, dipendenti licenziati; gas, prezzi ed inflazione che fanno a gara a chi vola di più; a tacere della guerra strisciante contro la Russia. Non è certo il caso di peggiorare maggiormente il quadro non intervenendo sulle bollette, mentre l’Italia, sostanzialmente, fallisce.

Ma, tornando ai tanti italiani ancora innamorati del Drago, a fronte dello scenario nazionale che mese dopo mese è peggiorato da quando egli risiede a Palazzo Chigi, bisogna chiedersi: quale sortilegio lo rende così gradito? Di chiunque altro non sarebbero rimasti nemmeno i frammenti ma lui è sempre lì: distaccato, inossidabile, semprefresco. E’ amato dagli italiani anche ora che non c’è più (ma c’è ancora!).

E come mai, quasi ex aequo nel gradimento, la seconda personalità politica è Giorgia Meloni che è stata l’unica oppositrice del governo del Drago? Misteri dell’animo italiano, il quale forse è più suscettibile ad impressioni e suggestioni che ad una sana e razionale riflessione.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments