Il giudizio ultimo sulla nostra vita non lo daranno gli uomini, ma Dio

di don Ruggero Gorletti

COMMENTO AL VANGELO DI MARTEDÌ 11 OTTOBRE 2022

Dal vangelo secondo san Luca (11, 37-41)

In quel tempo, mentre Gesù stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo.
Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro».    

COMMENTO

Anche oggi Gesù critica i Farisei (e con loro ciascuno di noi) per l’ipocrisia. Cioè il mostrarsi in un modo ed essere in un altro. Il fariseo che lo ha invitato a pranzo si meravigliava che Gesù non facesse le abluzioni. Cosa sono? Quando gli Ebrei rientravano in casa erano tenuti a lavarsi, non tanto per una questione di igiene, ma perché avrebbero potuto inavvertitamente aver toccato qualche persona non ebrea o qualcosa considerato impuro dalla legge. E questo fariseo si stupiva che Gesù non lo avesse fatto. E ciò da modo al Signore di lasciarci questo insegnamento: occorre pulire il nostro interno, il nostro cuore, la nostra intelligenza, la nostra volontà, sforzandoci di fare il bene, di essere buoni, non solo di apparire tali. Avere una buona reputazione presso gli uomini è cosa buona, ma è più importante essere considerati buoni da Dio, Colui che ha fatto sia l’esterno che l’interno. Perché il giudizio ultimo sulla nostra vita non lo daranno gli uomini, ma Dio.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments