Il corpo dell’uccisore posto in un luogo di culto: un caso unico al mondo a Corinaldo

Il corpo dell’uccisore posto in un luogo di culto: un caso unico al mondo a Corinaldo

di Sorella Francesca e Sorella Miriam*

IL SANTUARIO DI SANTA MARIA GORETTI, LA “CASA DEL PERDONO” DI CORINALDO (AN), È STATO COLPITO DALL’ULTIMO TERREMOTO NELLE MARCHE

Lo scorso 9 novembre ci ha sorpreso un brutto terremoto che sembrava non terminare mai. Il nostro pensiero è andato subito a Marietta, la nostra cara santa Maria Goretti che in santuario se ne sta sempre eretta su di un rialzo a protezione del nostro paese e suo paese natale, Corinaldo in provincia di Ancona.

Accanto a lei, statua in legno dei mastri artigiani della Val Gardena, è situata in una teca in vetro, protetta da allarme, una sua reliquia: l’ulna del braccio destro. Quella mattina l’allarme non ha suonato e questo ci ha fatto presagire buone notizie…

Una parte del cornicione a lato della statua si è staccato. La statua e la teca della reliquia sembravano quasi essere estranee al tutto: a terra tutte le macerie con il tavolo che reggeva la statua lesionato da un bel masso. Per Marietta nemmeno un graffio. La gente che ha visto è rimasta senza parole per la peculiarità dell’accaduto.

Il santuario di santa Maria Goretti è definito la Casa del Perdono e molti pellegrini vengono a visitarlo durante l’anno, anche perché colpiti dalla presenza, oltre del corpo della mamma della Santa, di Alessandro, l’assassino di Marietta. È proprio così, il corpo dell’uccisore è posto in un luogo di culto, un caso unico al mondo!

La sua presenza per alcuni è segno di scandalo, ma sappiamo che la piccola Santa non ha pensato questo, quando in punto di morte ha detto “lo perdono e lo voglio con me in Paradiso”, e nemmeno la madre quando al processo ha decretato di fronte alla corte il suo perdono nei confronti di Alessandro o quando nel 1934 in piazza del terreno a Corinaldo, in uno storico incontro, gli disse “vi ha perdonato Dio, vi ha perdonato la mia Marietta, vi perdono anch’io”.

Ecco il Dio della misericordia è stato sempre al loro fianco e al fianco di Alessandro. Ora il nostro caro Santuario è chiuso perché considerato inagibile. Desideriamo riaprirlo il prima possibile, perché è un bene incommensurabile per tutti. Restiamo a disposizione per chi volesse contattarci per domande, preghiere o aiuti. Dio vi benedica.

 

*Suore custodi del Santuario di santa Maria Goretti-Corinaldo (AN)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments