Una filosofa convertita al cattolicesimo, impegnata contro le élite globali

Una filosofa convertita al cattolicesimo, impegnata contro le élite globali

a cura di Angelica La Rosa

L’OLANDESE EVA VLAARDINGERBROEK TRACCIA IL SUO PERCORSO VERSO LA CHIESA CATTOLICA


La commentatrice politica olandese, la giovane filosofa Eva Vlaardingerbroek, e suo padre, sono diventati cattolici.

Come scrive Edward Pentin, la filosofa del diritto e commentatrice politica, diventata famosa in Olanda negli ultimi anni per le sue critiche alle ideologie sociali sempre più importanti nella società occidentale contemporanea (l’ideologia di genere, il femminismo radicale, il transumanesimo) è stata accolta nella Chiesa cattolica insieme a suo padre.

Nata da madre cattolica e padre protestante, Vlaardingerbroek, 26 anni, è stata educata cristiana, ma è stata la pandemia di COVID-19 a risvegliarla completamente alla realtà della battaglia spirituale che il mondo sta affrontando e alla consapevolezza che la fede cattolica è “l’arma più potente” contro il relativismo morale di oggi.

Nell’intervista concessa al National Catholic Register, la Vlaardingerbroek ha detto che “se non prendiamo abbastanza sul serio i nostri nemici e non osiamo nemmeno parlare per Cristo, dopo tutto quello che ha fatto per noi, come ci aspettiamo di vincere?”.

Eva ha ricordato di essere nata ad Amsterdam nel 1996. “Io e mio fratello minore siamo cresciuti in una città più piccola non troppo lontana da lì. Sia mia madre che mio padre sono cristiani e lavorano nell’industria della musica classica. Mia madre è cattolica; mio padre, fino al 23 aprile del 2023 era protestante, quindi sono stata introdotto a entrambe le fedi. Anche se non ho mai sperimentato uno scontro di fede tra mia madre e mio padre crescendo ho notato le differenze quando ho visto la mia famiglia allargata alle feste di compleanno. La ragione di ciò è probabilmente che mio nonno (il padre di mio padre) è un pastore riformato incredibilmente devoto (ora in pensione) e teologo dell’Antico Testamento. Anche se direi sicuramente che sono stata “cresciuta” cristiana e ho avuto il privilegio di crescere ascoltando quotidianamente la più meravigliosa musica cattolica, non ho mai sentito che i miei genitori mi spingessero ad andare in chiesa o pregare. Nulla mi è mai stato imposto. Semmai, guardando indietro, vorrei che i miei genitori mi avessero spinto un po’ di più quando si trattava di praticare la mia fede. Perché anche se ho avuto periodi nella mia vita in cui non ero molto occupata con la chiesa, ho sempre creduto in Dio, da che ho memoria. Sono stata battezzato nella chiesa protestante e ho frequentato la chiesa protestante per anni da bambina, fino a quando mio padre ha deciso di unirsi a mia madre a messa circa 15 anni fa. Decise di unirsi a lei, perché era stufo di quanto fosse diventata politicizzata (di sinistra) la nostra chiesa protestante. Mi sono unito a loro ma, come ogni adolescente, mi sentivo come se non appartenessi (in senso generale), quindi mi sentivo anche come se non appartenessi alla messa, dato che non ero ufficialmente cattolica e ho iniziato ad andare in chiesa meno frequentemente. Ancora una volta, anche se non ho mai messo in dubbio la mia fede in Cristo, da studentessa il mio atteggiamento non è cambiato molto. Semmai, ho spesso scelto quando si trattava di entrambe le fedi e non ho mai fatto uno sforzo cosciente per decidere se volevo essere protestante o cattolica. La mia fede purtroppo non ha avuto un ruolo molto centrale nella mia vita”.

Durante gli ultimi giorni dei suoi studi e all’inizio della mia carriera politica, Eva ha subito molti contraccolpi per le via delle sue opinioni politiche conservatrici. “Mi sono rapidamente abituato alla sensazione di essere cancellata per aver detto verità scomode, ma qualcosa – penso per molti di noi – è cambiato radicalmente durante la pandemia. Andare contro la narrativa dell’establishment non ti ha fatto solo cancellare socialmente, ma questa volta ti ha fatto cancellare legalmente. Durante quel periodo, ho capito con tutto il cuore che non stiamo solo combattendo una lotta politica (destra contro sinistra), ma che abbiamo a che fare con una lotta spirituale (bene contro male). La velocità con cui le persone erano pronte a condannare quelli di noi che non seguivano ‘la scienza’ e la velocità con cui i nostri governi hanno abolito i nostri diritti costituzionali, è stato un vero campanello d’allarme per me. Il male non era qualcosa che esisteva solo in certi periodi (di guerra) della storia. Mi ha aperto gli occhi sul fatto che il male è molto vivo e che purtroppo molte persone possono esserne sedotte molto, molto rapidamente. Così ho iniziato a notare che quando ho discusso contro i mandati sui vaccini, ad esempio, un argomento esclusivamente utilitaristico non mi bastava. Non volevo discutere se il vaccino stesse interrompendo le trasmissioni e se fosse giustificato che il governo ce lo imponesse per motivi medici. Volevo prendere una posizione morale. E l’unica posizione morale che mi sembrava giusta era che ero stato creato a immagine di Dio, che il mio corpo è un tempio e che i miei diritti (corporei) mi erano stati conferiti dal mio Creatore e quindi sono inalienabili. I miei diritti non mi sono stati dati dal governo, che potrebbe – e vorrebbe, chiaramente – togliermeli in qualsiasi momento, ma mi sono stati dati dal mio Creatore, da Dio. È esattamente quello che ho iniziato a dire nel dibattito pubblico. Ho iniziato apertamente a coinvolgere la mia fede nel mio commento politico e ho deciso immediatamente che non sarei mai più scesa a compromessi. Ho sperimentato cosa succede quando esci e parli del tuo amore per Cristo: le forze del male nel mondo diventano più forti, perché non c’è niente che odiano più della testimonianza, ma anche le forze del bene nella mia vita sono cento volte più forti e io sono diventata più forte. Mi ha fatto pensare alla mia fede. Ho subito capito che il tempo della raccolta delle ciliegie doveva essere finito, ma non sapevo a quale chiesa avrei dovuto unirmi, quindi ho deciso di prendermi il mio tempo. Trascorrendo un po’ di tempo in America, sono andato in molte chiese “non confessionali” dove ho incontrato i cristiani più meravigliosi e devoti che avessi mai incontrato. Ma in quelle grandi chiese del centro congressi mancava qualcosa. E poi ho trovato i discorsi del professor Peter Kreeft su YouTube. Ho guardato i suoi contenuti per ore e ore finché non sono incappato nel suo videochiamato ‘Sette motivi per cui tutti dovrebbero diventare cattolici’. L’ho guardato e semplicemente non potevo discutere con quello che ha detto. Tutto aveva un senso. Dal fatto che Cristo stesso ha fondato la Chiesa Cattolica, all’importanza dei santi, al vero miracolo dell’Eucaristia. Sapevo che dovevo fare una scelta”.

Così durante la Messa di Natale dell’anno scorso è quello che Eva ha fatto. “Sentivo nel mio cuore che volevo essere cattolica. Quando tornai a casa dalla messa, ricevetti un messaggio di buon Natale dal mio caro amico e compagno di lotta padre Benedict Kiely, che avevo incontrato alla Conferenza nazionale sul conservatorismo a Bruxelles un anno prima. Mi ha augurato Buon Natale e mi ha chiesto quando sarei diventata cattolico. Non esistono coincidenze e il resto è storia”.

Rispondendo alla domanda su quali elementi del cattolicesimo l’hanno particolarmente attratta, la filosofa olandese ha spiegato che la transustanziazione è stata la chiave di tutto. “Come protestante ho rifiutato il concetto, non mi sono mai sentita in grado di razionalizzarlo, quindi sono andato con l’argomento ‘è simbolico’. Ma quando guardi alla Scrittura, a ciò che Gesù stesso disse, lui è chiarissimo. Non è affatto simbolico. E anche se non riesco a razionalizzarlo, ci credo; perché se Cristo ha detto che è così, è così. Allora non c’è altra scelta che diventare cattolico”.

I Paesi Bassi, come tutti i paesi del Benelux, hanno una ricca eredità cattolica ma sono diventati un paese secolarizzato. Il secolarismo, infatti, domina la politica e la società. Secondo Eva Vlaardingerbroek “l’arma più potente contro il relativismo di sinistra è la fede cattolica. Cosa c’è di meglio in un momento in cui la gente dice ‘tutto va bene’ che dire ‘no’? Esiste una cosa come la bellezza, esiste una cosa come il bene e esiste una cosa come la verità. Egli è la Verità, la Via e la Vita. E questo non cambierà mai. La dottrina cattolica rimane la stessa, non importa chi sia il Papa o quale tumulto attraversi la Chiesa come istituzione. La dottrina resisterà sempre alla prova del tempo, perché lui stesso ha fondato la Chiesa. Cerco di assicurarmi che tutte le mie opinioni siano in linea con la mia fede. Potrei sbagliarmi agli occhi di alcuni, ma per me è l’essenza. È la forza trainante del mio attivismo, perché come cattolica non voglio stare ferma, la fede è anche una questione di buone azioni dopotutto. Certo, c’è sempre spazio per migliorare, ma la mia missione è difendere i valori conservatori, la libertà e i diritti delle persone. La mia missione è difendere le persone comuni che sono considerate invisibili dall’establishment. Mi addolora vedere come le persone lottino nella nostra società e siano etichettate come deplorevoli dalle nostre élite globali. Questo non è ciò che Cristo ci insegna. Politicamente e socialmente parlando, penso che viviamo in tempi incredibilmente bui. Un mondo alla rovescia, dove la gente chiama gli uomini donne, le donne uomini; un mondo in cui le persone chiamano bene il male e male il bene, come descritto in Isaia 5,20. Ma io confido in Dio, e so che la luce risplende nelle tenebre, e le tenebre non l’hanno vinta. Niente mi dà più speranza di questo. Il bene vincerà perché Cristo ha già vinto la morte e ci ha liberati. Pertanto, temo Dio più di quanto temo l’uomo. Siamo salvati attraverso di lui, qualunque cosa accada qui sulla terra. Cerco di ricordare che ciò che la gente pensa di me su questa terra non ha importanza, rispetto a ciò che Dio pensa di me. Lui e la Verità sono ciò che mi guida nei miei sforzi politici”.

Eva, che nel suo discorso “Reject Globalism: Embrace God” alla National Conservatism Conference di Bruxelles nel 2022, che può essere visto su, ha parlato ampiamente di ciò che pensa che i cristiani dovrebbero fare nella lotta contro il globalismo e il transumanesimo, ha spiegato che dobbiamo “parlare. Dovremo riconoscere che abbiamo a che fare con un’ideologia malvagia che è fondamentalmente contraria a tutto ciò che noi cattolici rappresentiamo, se vogliamo avere una possibilità di combattere. Il problema è che molti cristiani si innamorano delle ‘belle parole’ che i globalisti usano per venderci i loro piani. Che si tratti di cambiamento climatico, COVID o transumanesimo, presentano le loro ‘soluzioni’ con il pretesto dell’uguaglianza e di nobili pretesti, ma in realtà, se guardi cosa stanno realmente proponendo, si riduce sempre al fatto che queste persone vogliono giocare a fare Dio. E le soluzioni che offrono – passaporti vaccinali, transumanesimo, ‘salvare il pianeta” – si nutrono sempre della paura della morte delle persone. Il che, purtroppo, se credi che questa vita sulla terra sia tutto ciò che c’è, non è una cosa strana di cui aver paura. Quindi quello che credo si debba fare è che i cristiani, specialmente i cattolici, respingano apertamente ogni tipo di relativismo culturale o religioso. La narrazione di ‘tu puoi avere la tua verità e io ho la mia’, penso sia esattamente ciò che il diavolo vuole che la gente dica. Certo, puoi avere la tua opinione e io posso avere la mia, ma esiste qualcosa come la Verità: Cristo è la Verità, la Via e la Vita. Se ci crediamo veramente dovremmo dirlo. Ad alta voce. La moralità basata su valori secolari è come una casa senza fondamenta. La casa può sembrare bella dall’esterno, può essere costruita da persone simpatiche e ben intenzionate, ma non durerà”.

Parlando di ideologia di genere e del femminismo, e dei danni provocati alla società, la filosofa olandese ha ricordato che essi sono “probabilmente le ideologie più dannose che ci siano per le donne (e per l’uomo) perché impediscono alle persone di sposarsi, mettere su famiglia e diventare veramente felici e adempiere al proprio dovere (morale). Alla mia generazione è stato detto che non dovremmo sposarci o avere figli, perché è tutto solo un costrutto sociale oppressivo creato dal patriarcato per tenerti giù. E per di più, avere figli fa male anche al clima, quindi non preoccuparti. E per di più, ci viene detto che possiamo dormire quanto vogliamo e se rimani incinta, puoi abortire, perché è il tuo corpo, la tua scelta. Onestamente e veramente è opera del diavolo. Non di meno. E sta purtroppo guadagnando terreno. Al giorno d’oggi trovo difficile incontrare persone della mia età che non siano state completamente indottrinate con ‘l’ideologia del risveglio’. La maggior parte dei miei contemporanei crede davvero che i tuoi sentimenti o il modo in cui ti ‘identifichi’ siano l’indicatore del tuo genere. E ancora, l’unica soluzione che vedo a questo problema è essere spietatamente intransigenti. Dio ha creato Adamo ed Eva, non 73 sessi diversi. Quello è l’Uomo che cerca di essere il suo piccolo dio, che non ha mai funzionato e non funzionerà mai. E lo sappiamo. La mia generazione è assolutamente infelice. Quindi la cosa migliore che possiamo fare come cattolici è dire alla gente che c’è un’alternativa che puoi seguire. Perché c’è e ha un nome: Gesù Cristo.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments