L’ipocrisia diabolica di trenta Democratici USA pro aborto “perché cattolici”

di Angelica La Rosa

I DEMOCRATICI, GUIDATI DALLA RAPPRESENTANTE DEL CONNECTICUT ROSA DELAURO E CON LA PARTECIPAZIONE DELL’EX PRESIDENTE DELLA CAMERA NANCY PELOSI, FANNO APPELLO, FALSAMENTE, ALL’ESORTAZIONE APOSTOLICA CHRISTIFIDELES LAICI DI SAN GIOVANNI PAOLO II PER GIUSTIFICARE I LORO MOTIVI DI SOSTEGNO ALL’ABORTO

Trenta Democratici che si autodefiniscono “cattolici”, eletti alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, hanno firmato una lettera in occasione del primo anniversario della sentenza della Corte Suprema nel caso Dobbs v. Jackson Women’s Health, la sentenza che ha restituito agli Stati federati la possibilità di legiferare sull’aborto (la decisione ha consentito l’entrata in vigore di divieti e restrizioni all’aborto in diversi stati del Paese).

In questa lettera si impegnano a continuare a sostenere l’aborto, scrivono ipocritamente (e diabolicamente) sulla base della loro “fede” cattolica.

I Democratici, guidati dalla rappresentante del Connecticut Rosa DeLauro e con la partecipazione dell’ex presidente della Camera Nancy Pelosi (nella foto di copertina), fanno appello, falsamente, all’esortazione apostolica Christifideles Laici di San Giovanni Paolo II per giustificare i loro motivi di sostegno all’aborto.

“I principi fondamentali della nostra fede cattolica – giustizia sociale, coscienza e libertà religiosa – ci obbligano a difendere il diritto delle donne di accedere all’aborto”, si legge nella lettera. “La nostra fede promuove infallibilmente il bene comune, dà priorità alla dignità di ogni essere umano e sottolinea la necessità di fornire una rete di sicurezza collettiva per i nostri più vulnerabili. Ci impegniamo a realizzare i principi fondamentali che sono al centro della dottrina sociale cattolica: aiutare i poveri, gli svantaggiati e gli oppressi; proteggi i piccoli tra noi; e garantire che tutti gli americani di qualsiasi fede abbiano opportunità significative per condividere le benedizioni di questo grande paese”, ha aggiunto la lettera.

Secondo gli autori della lettera, la sentenza dei giudici della Corte Suprema avrebbe “privato le donne del loro diritto all’aborto e hanno aggravato una crisi della salute riproduttiva in corso in questo paese”. Secondo questi pseudo-cattolici Democratici i divieti e le restrizioni all’aborto “danneggiano in modo sproporzionato coloro che già sopportano la povertà, la discriminazione e il razzismo. Come cattolici, crediamo che tutti gli individui siano liberi di prendere le proprie decisioni personali riguardo al proprio corpo, alla propria famiglia e al proprio futuro. La nostra fede e la Costituzione del nostro Paese esigono che nessuno imponga un unico punto di vista religioso in leggi o regolamenti. Come democratici cattolici che abbracciano la vocazione e la missione dei laici espresse dal compianto Papa Giovanni Paolo II nella sua esortazione apostolica Christifideles Laici, crediamo che la Chiesa è il ‘popolo di Dio’, chiamato ad essere una forza morale nel senso più ampio”.

In una sua dichiarazione Rosa DeLauro ha affermato che la Corte Suprema avrebbe “ignorato la scienza per privare una donna del suo diritto fondamentale e costituzionale di prendere le proprie decisioni in materia di assistenza sanitaria”. La DeLauro ha anche denunciato gli stati che hanno emanato divieti e restrizioni all’aborto dopo la decisione Dobbs e ha attaccato uno sforzo in corso da parte di alcuni gruppi pro-vita per vietare il mifepristone, il farmaco abortivo più utilizzato nella nazione.

“L’anno scorso l’obiettivo dei legislatori repubblicani in tutto il paese e qui al Congresso è diventato chiaro: un divieto totale dell’aborto in tutto il paese”, ha detto DeLauro. “Lo vediamo chiaramente attraverso il loro assalto scientificamente privo di fondamento all’accesso al mifepristone”.

Il caso a cui si riferisce DeLauro è Alliance for Hippocratic Medicine v. La Food and Drug Administration (AHM v. FDA). In questo caso, diversi gruppi pro-vita, rappresentati dall’Alliance Defending Freedom, hanno citato in giudizio la FDA per aver presumibilmente ignorato i propri standard di ricerca e test quando ha approvato il farmaco abortivo mifepristone nel 2000.

Ad aprile, il giudice federale del Texas Matthew Kacsmaryk ha emesso una sentenza che ha annullato l’approvazione da parte della FDA del farmaco abortivo. Tuttavia, la Corte Suprema ha successivamente bloccato l’entrata in vigore della sentenza del Texas mentre il caso procedeva nelle corti d’appello.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments