JK Rowling disposta ad andare in prigione per difendere le sue (giuste) tesi sulla transessualità

JK Rowling disposta ad andare in prigione per difendere le sue (giuste) tesi sulla transessualità

di Angelica La Rosa 

L’AUTRICE DI HARRY POTTER NON ACCETTA CHE IL SESSO BIOLOGICO POSSA ESSERE CAMBIATO

J K. Rowling ha riaffermato la sua posizione sulla transessualità, dicendo che sarebbe “felice” di trascorrere del tempo in prigione piuttosto che cambiare idea.

L’autrice di “Harry Potter” ha risposto con un “No” a un’immagine su X (Twitter) in cui si legge: “Ripeti con noi: le donne trans sono donne”.

Il 17 ottobre, dunque, la scrittrice ha chiarito ancora una volta su X di non accettare la tesi principale della lobby LGTBI sulla transessualità.

Il post richiama il fatto che uno dei suoi sostenitori britannici ha incoraggiato le persone a votare per il partito laburista, che secondo quanto riferito, vuole rendere i presunti attacchi all’identità di genere un reato punibile fino a due anni di prigione. In risposta, la Rowling ha detto: “Sconterò volentieri due anni se l’alternativa è il discorso forzato e la negazione forzata della realtà e dell’importanza del sesso”.

La posizione della Rowling sulla transessualità è nota da molto tempo. Nel 2017 aveva messo un like ad un tweet che criticava il movimento per i diritti dei trtransgender. Nel 2019, aveva difeso una donna che era stata licenziata per aver twittato che “gli uomini non possono trasformarsi in donne”. E nel 2020 aveva ricevuto critiche dall’attore che interpretava Harry Potter al cinema per aver linkato sui suoi social network un articolo (intitolato “Opinione: creare un mondo post-COVID-19 più equo per le persone che hanno le mestruazioni”) commentandolo ironicamente: “Sono sicura che una volta esistesse una parola per quelle persone. Qualcuno mi aiuti. Donne?”.

Rowling ha ricevuto persino minacce di morte per aver mantenuto la sua opinione con queste parole: “Se il sesso non è reale, non esiste attrazione per lo stesso sesso. Se il sesso non è reale, la realtà vissuta dalle donne di tutto il mondo viene cancellata. Conosco e amo le persone trans, ma cancellare il concetto di sesso elimina la capacità di molte persone di discutere della propria vita in modo significativo. Dire la verità non è odio”.

Inutile sottolineare che la Rowling a causa delle sue giuste opinioni in materia continua a subire varie violenze da parte della lobby LGTB+.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments