Esclusivo. Intervista al vescovo ortodosso ATANASIO su guerra, sodomia, riforma del calendario

Esclusivo. Intervista al vescovo ortodosso ATANASIO su guerra, sodomia, riforma del calendario

a cura di Pietro Licciardi

“LA GUERRA STA PORTANDO AD UNA RINASCITA RELIGIOSA TRA GLI ORTODOSSI”

Informazione Cattolica ha intervistato i rappresentanti delle tre maggiori confessioni religiose ucraine: cattolica, ortodossa del patriarcato di Kiev e greco ortodossa.

Pubblichiamo di seguito le risposte di Atanasio (nato Borys Ihorovych Yavorsky), Arcivescovo ortodosso di Odessa e del Baltico.

Monsignore, l’attuale conflitto ha in qualche modo avvicinato le tre principali chiese ucraine: la cattolica, la greco-ortodossa e la chiesa ortodossa del patriarcato di Kiev?

«Per cominciare, vorrei dire che il conflitto militare è iniziato nel 2014, quando esisteva la Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Kyiv, ma il 15 dicembre 2018 si è svolto il Consiglio di unificazione ortodossa di tutta l’Ucraina, in cui è stata presa la storica decisione di unire i tre rami della Chiesa ortodossa in Ucraina, ovvero la Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Kyiv, la Chiesa ortodossa autocefala ucraina e parte della Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca. Pertanto, oggi l’Ucraina ha ufficialmente la Chiesa ortodossa di Ucraina. Rispondendo alla domanda sul riavvicinamento tra le Chiese cattolica romana, greco-cattolica e ortodossa dell’Ucraina, vorrei dire che oggi queste tre Chiese si sono decisamente avvicinate e, per quanto strano possa sembrare, ciò è dovuto al conflitto militare in corso. All’inizio del conflitto armato, nel 2014, ero il vescovo dirigente nella regione di Luhansk, e quando la vita del clero delle Chiese cattolica romana, greco-cattolica e ortodossa dell’Ucraina è stata minacciata, ovviamente i parrocchiani di queste chiese hanno iniziato a comunicare di più tra loro perché sullo sfondo del fatto che i sacerdoti sono stati espulsi da Luhansk e dai territori occupati, le persone che avevano una chiara posizione filo-ucraina hanno iniziato a comunicare più strettamente. Così, i parrocchiani della Chiesa greco-cattolica hanno iniziato a frequentare le funzioni nella nostra chiesa. Sentendo un bisogno spirituale, le persone hanno perso il confine tra l’essere ortodossi o cattolici. Le persone erano unite da un dolore comune e trovavano conforto pregando insieme e aiutandosi a vicenda. È così che sono nati progetti comuni di aiuto umanitario ai bisognosi e agli sfollati interni».

«Personalmente, come vescovo ortodosso, non ho mai avuto pregiudizi o ostilità nei confronti di credenti di fedi diverse. Sono sempre aperto alla comunicazione e accolgo chiunque venga con amore fraterno. Per esempio, dal momento in cui ho conosciuto il vescovo Stanislav Shyrokorodiuk, allora nella diocesi di Kharkiv, siamo stati amici e abbiamo comunicato, e quando sono stato trasferito a Odesa, siamo restati buoni amici e comunichiamo bene a Odessa. Io partecipo alle funzioni solenni su suo invito e lui partecipa alle mie funzioni su mio invito. Abbiamo sempre rapporti amichevoli. L’unica cosa triste è che siamo separati da differenze dogmatiche che i leader delle Chiese della tradizione occidentale e orientale non sono riusciti a superare per 970 anni».

Che ne sarà degli ortodossi fedeli al patriarcato di Mosca che pure hanno mostrato la loro fedeltà all’Ucraina? Abbiamo saputo di episodi incresciosi di funerali impediti a combattenti ucraini che dovevano svolgersi in parrocchie ortodosse fedeli a Mosca.

«Ho già detto che nel 2018 l’Ucraina si è unita nella Chiesa ortodossa di Ucraina. Il Patriarca ecumenico Bartolomeo ha inviato gli inviti a questo concilio a tutti i vescovi, compresi quelli di Mosca, senza eccezioni. Coloro che volevano accettare l’invito lo hanno accettato, coloro che non volevano accettarlo hanno rimandato l’invito al Patriarca ecumenico. Sua Beatitudine il Metropolita Epifaniy, in qualità di capo della Chiesa ortodossa ucraina, ha ripetutamente sottolineato e fatto appello ai vescovi, al clero e ai fedeli di questa chiesa affinché si unissero alla Chiesa ucraina, chi voleva ha accettato l’invito e molte parrocchie si sono unite alla Chiesa ortodossa ucraina. Il resto dei fedeli e delle persone che oggi rimangono nella giurisdizione della Chiesa di Mosca o sono ingannati dal clero o hanno una chiara posizione filorussa. Personalmente, credo che oggi non ci siano credenti o clero del Patriarcato di Mosca in Ucraina che siano fedeli all’Ucraina, perché altrimenti avrebbero celebrato i funerali dei nostri soldati. Sì, ci sono chiese di Mosca che aiutano l’esercito ucraino, ma a mio parere questa è una profanazione, perché mentre il Patriarca Kirill di Mosca benedice l’uccisione di civili, bambini e genitori, lo stesso clero lo ha come patriarca, prega per lui, prega in una chiesa di Mosca per il governo e l’esercito di Mosca. Quindi da che parte sono fedeli all’Ucraina? Cristo ha detto queste parole: “Nessuno può servire due padroni, perché odierà l’uno e amerà l’altro, o sarà devoto all’uno e disprezzerà l’altro” (Matteo 6:24). Il Tomos sinodale patriarcale ha delineato il territorio della Chiesa ortodossa ucraina all’interno dei confini dell’Ucraina nel 1991, e ogni parrocchiano che attualmente si trova in una chiesa di Mosca in Ucraina, consapevolmente o meno, rimane fedele a Mosca».

«Anche a lei chiediamo se non vi preoccupa il fatto che l’Ucraina voglia avvicinarsi il più possibile all’Europa e quindi anche alla sua deriva nichilista e antiumana, pensiamo alle politiche pro Lgbt, ambientaliste, abortiste, ecc. Come accoglieranno tutto questo i suoi fedeli?

«Nel corso dei secoli, l’Ucraina come Paese ha vissuto molte guerre e distruzioni, dalla conquista tataro-mongola all’attuale guerra tra Russia e Ucraina. Geograficamente, l’Ucraina si trova tra l’Asia e l’Europa, ma gli ucraini non si sono mai considerati asiatici, perché non lo sono mai stati. A partire dalla Rus’ di Kyivan, i principi della Rus’-Ucraina e i re d’Europa hanno sempre avuto relazioni diplomatiche e amichevoli. È quindi logico che oggi l’Ucraina cerchi di diventare un partner a tutti gli effetti dell’Unione Europea, cosa che ha portato alla guerra in Ucraina, perché la Russia non lo vuole».

«Naturalmente, l’Unione Europea impone all’Ucraina alcune condizioni riguardanti le persone Lgbt, la politica di genere, l’aborto, ecc. Tuttavia, ci sono Stati ortodossi nell’Unione Europea che aggirano questi “valori” allineando le loro leggi agli insegnamenti cristiani, e questo non è proibito, perché in tal caso vengono violati i principi della democrazia. Così, il 27 luglio 2023, la Chiesa ortodossa di Ucraina ha adottato la Dichiarazione “Sull’atteggiamento negativo nei confronti del peccato di sodomia (omosessualità), della sua propaganda nella società, dell’ideologia di genere e dei cosiddetti matrimoni tra persone dello stesso sesso (convivenza tra persone dello stesso sesso)” al Consiglio locale, che esprime la chiara posizione della nostra Chiesa».

La tragedia della guerra porterà secondo lei ad una rinascita religiosa nel Paese? Ci sono segnali in questo senso?

«Dal 2014 sono un cappellano, spesso in prima linea nella difesa, sono stato molte volte sotto il fuoco e, soprattutto, ho esperienza di comunicazione con volontari e soldati e dirò che non c’è nessun non credente nelle trincee. Ho dovuto spesso battezzare ex atei dichiarati e ho visto come la grazia divina tocca il cuore delle persone e le cambia. Pertanto, rispondendo alla domanda, dirò SÌ. Questo si sente già nelle chiese. Il numero dei credenti è aumentato, molti vengono alla Santa Confessione e alla Comunione, molti non battezzati si avvicinano consapevolmente ai sacramenti del Battesimo e dell’Unzione e molti si sposano. Molti diventano membri attivi delle parrocchie. Pertanto, la tendenza alla rinascita spirituale in Ucraina sta guadagnando slancio».

Lei crede possibile una riappacificazione tra russi e ucraini, che prima della guerra erano uniti da vincoli di lingua, storia e perfino parentela?

«Nel 2014, quando i giornalisti mi chiesero come vedevo la fine del conflitto militare, non risposi nel modo in cui avrebbero voluto sentire da un vescovo. Ho citato come esempio le Sacre Scritture dell’Antico Testamento, in particolare la storia della salvezza del popolo israelita. Quando il popolo si allontanava dalla fede e tradiva il suo Dio cadendo nell’idolatria o non osservando la legge, il Signore lo puniva con malattie, perdita di indipendenza e morte finché non si pentiva e, dopo il pentimento, gli restituiva il suo amore e le sue benedizioni. Poi ho continuato a dire che finché gli abitanti del Donbas non si pentiranno dell’odio per il loro Stato e non smetteranno di chiedere a Putin di inviare truppe, la guerra non finirà e allora il Signore molto probabilmente li distruggerà. All’epoca, questa risposta sconvolse tutti. Ma il 2022 arrivò e lo sterminio totale ebbe inizio. Oggi, la stessa minaccia incombe sull’Ucraina. Non so se russi e ucraini si riconcilieranno, ma Dio conosce la sua Santa Volontà. Ma voglio credere che l’amore vincerà le tenebre che sono entrate nel cuore delle persone».

Quest’anno la Chiesa ortodossa ucraina celebrerà il Natale il 25 dicembre. Qual è la reazione generale dei fedeli e dei sacerdoti a questo cambiamento? Si aspetta degli effetti positivi da questo cambiamento e, se sì, quali sono?

«Quest’anno la Chiesa ortodossa ucraina non solo celebrerà il Natale il 25 dicembre, ma, per decisione del Consiglio locale tenutosi il 27 luglio 2023, passerà al Nuovo calendario giuliano già dal 1° settembre 2023. In altre parole, tutte le feste fisse sono state spostate 13 giorni prima. In generale pensavo che ci sarebbe voluto un po’ di tempo perché le persone si abituassero al nuovo calendario, ma dal 1° settembre i fedeli sono passati al nuovo calendario e questo non ha causato alcuna difficoltà».

«L’effetto positivo visibile della riforma del calendario è innanzitutto la protezione della libertà religiosa, dell’identità del popolo ucraino e dello spazio spirituale dell’Ucraina dall’aggressione del mondo russo. In altre parole, abbandonando il vecchio calendario giuliano così vigorosamente difeso non solo dai rappresentanti della Chiesa russa, ma anche dai funzionari dello Stato aggressore e passando al Nuovo calendario giuliano, la Chiesa ortodossa ucraina prende le distanze e rifiuta l’ideologia dei moscoviti, il che rappresenta un passo significativo verso un ulteriore avvicinamento al Patriarcato ecumenico e alla maggioranza del mondo ortodosso, formando con loro un unico corpo della Chiesa di Cristo».

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments