Padre Romanelli: “A Gaza la situazione è terribile”

Padre Romanelli: “A Gaza la situazione è terribile”

a cura della Redazione

PADRE ROMANELLI RITORNA NELLA SUA PARROCCHIA DI GAZA. ALL’INIZIO DELLA GUERRA SI TROVAVA A BETLEMME E NON ERA POTUTO TORNARE DA ALLORA…

Nonostante i pericoli e le sfide che ancora esistono, padre Gabriel Romanelli, della famiglia religiosa del Verbo Incarnato, è tornato a Gaza per fornire sostegno spirituale e materiale nel bel mezzo della guerra. Sfortunatamente, molti dei suoi fedeli non ci sono più perché sono morti sotto le bombe e per la mancanza di medicine.

“Grazie per il vostro supporto in questo periodo. Sono potuto tornare nella mia parrocchia, la Sacra Famiglia di Gaza. È difficile descrivere i miei sentimenti perché sono missionario a Gaza da quasi 19 anni e ora, quando finalmente sono stato in grado di tornare, molti dei miei conoscenti e fedeli non ci sono più”, ha detto padre Gabriel Romanelli alla Fondazione Pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre-

Il conflitto a Gaza sta lasciando una scia di distruzione e di sangue, con innumerevoli vite distrutte. La comunità cristiana, ortodossa e cattolica è stata notevolmente ridotta. Alcuni cristiani sono stati in grado di fuggire attraverso il confine egiziano, ma padre Gabriel lamenta la perdita nella comunità cristiana di 36 persone, 20 delle quali sono morte per bombardamento dell’esercito israeliano o fuoco di cecchini. Gli altri principalmente sono morti a causa della mancanza di farmaci.

“E’ doloroso, ma allo stesso tempo sappiamo che sono con Dio. Essi sono presenti in Cielo per intercedere per la pace, la rettitudine e il perdono dei peccati, per tutti noi e per coloro che sono coinvolti nella guerra. E’ mio dovere essere qui”.

Il sacerdote argentino era a Betlemme quando è iniziato il terribile conflitto. Adesso è riuscito a rientrare. Rispondendo alla domanda sul perché vuole rimanere a Gaza, mentre la maggior parte delle persone ha il desiderio di lasciare la zona di guerra, padre Gabriel ha spiegato che la sua missione è radicata nella sua fede e nell’obbedienza ai suoi superiori. Crede fermamente che il suo posto sia a Gaza, dove può fornire sostegno spirituale, morale ed esistenziale a cristiani, musulmani e persone di qualsiasi provenienza.

“Voglio rimanere qui perché questa è la mia missione. Mentre posso essere chiamato a servire altrove in futuro, sono convinto che, per ora, il mio dovere di sacerdote e parroco è di essere qui, offrendo aiuto in ogni modo possibile”. Nel mezzo del caos, padre Gabriele e la sua comunità continuano a pregare con fervore per la fine del flagello della guerra. Credono fermamente che la guerra non sia la volontà di Dio, ma il risultato delle azioni umane. Le loro preghiere si estendono a tutte le vittime e sostengono instancabilmente la giustizia, la pace e la riconciliazione.

“Il nostro Salvatore è il nostro Signore Gesù Cristo. Qui posso fare qualcosa per non lasciare indietro nessuno e seminare un po’ di giustizia e pace. Dobbiamo alzare la voce per la giustizia, la pace e la liberazione delle persone private della loro libertà. Abbiamo bisogno dell’ingresso di aiuti umanitari per guarire le migliaia di feriti e per gli sfollati di tornare a casa all’interno della Striscia di Gaza. Allo stesso modo, le migliaia di sfollati dal nord di Israele dovrebbero poter tornare a casa”.

Riconoscendo le immense sfide che il popolo di Gaza deve affrontare, padre Gabriel ha ricordato che in parrocchia hanno circa 500 rifugiati. Di queste, circa 50 persone sono sotto la cura delle Suore di Madre Teresa, soprattutto bambini. Inoltre, forniscono assistenza a migliaia di persone nel quartiere, offrendo acqua, cibo e medicine.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments