Disservizi per i cittadini comuni ma per i gay arriva il treno arcobaleno…

Disservizi per i cittadini comuni ma per i gay arriva il treno arcobaleno…

A cura della Redazione 

IL SINDACO GUALTIERI CHIARISCA IL COSTO PER I CITTADINI

“È vergognoso che l’amministrazione Gualtieri usi un bene comune come la metropolitana per costringere ogni giorno e con prepotenza tutti i romani a subire la martellante propaganda ideologica LGBTQIAI+ su utero in affitto, adozioni gay, lezioni scolastiche sul genere fluido e transizione sessuale dei minori. Chiediamo a Roberto Gualtieri, Sindaco di Roma, di smantellare immediatamente questa iniziativa ideologica degna di un regime totalitario”.

Lo afferma in una nota Antonio Brandi, presidente di Pro Vita & Famiglia Onlus, commentando l’inaugurazione del ‘treno arcobaleno’ sulla linea A della Metro di Roma in occasione del Gay Pride del 15 giugno da parte dell’azienda municipalizzata del traporto pubblico Atac, e che resterà in servizio per tutta l’estate.

“Ogni giorno i romani sperimentano l’inadeguatezza e i pesanti disservizi della metropolitana di Roma – continua Brandi – tra sporcizia, ritardi, sovraffollamento, sospensioni del servizio, scarsità di treni, scale mobili e ascensori fuori servizio, lavori interminabili, borseggiatori e scarsa accessibilità per le persone con disabilità: che il Sindaco Gualtieri pensi di nascondere un tale disastro con questa operazione arcobaleno, per ingraziarsi la potente lobby LGBTQIA+, è un sopruso e un insulto a milioni di cittadini. Mentre chiediamo a Gualtieri di informare i cittadini romani su quanto sia costata questa operazione alle loro tasche, abbiamo già chiesto ad alcuni Consiglieri comunali di accedere agli atti amministrativi per fare chiarezza su questo punto”, conclude Brandi.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments