Tennessee, il governatore rafforza i diritti dei genitori sui figli

Tennessee, il governatore rafforza i diritti dei genitori sui figli

di Angelica La Rosa 

I GENITORI AVRANNO L’ULTIMA PAROLA SULLE DECISIONI IMPORTANTI

Il governatore repubblicano del Tennessee Bill Lee ha firmato il Family Rights and Responsibilities Act, che garantisce il diritto dei genitori ad essere informati e ad avere l’ultima parola sulle decisioni che riguardano la salute, l’istruzione e la crescita dei propri figli.

La legge afferma che “tutti i diritti genitoriali sono riservati esclusivamente ai genitori di un bambino senza ostacoli o interferenze da parte di un ente governativo”, compresi gli ambiti della “genitorialità”, della “formazione morale o religiosa” e “tutte le decisioni relative alla salute fisica e mentale”.

È stato specificato che questi diritti implicano l’accesso a “tutte le cartelle cliniche e sanitarie”, nonché i documenti scolastici, il “diritto di scegliere scuole pubbliche, private, religiose o domestiche”, la possibilità di esentare i bambini dalla scuola per motivi religiosi, la partecipazione nelle associazioni genitori-insegnanti e in altre organizzazioni scolastiche, essere informati di sospetti abusi o negligenze da parte degli educatori e altro ancora.

“Un dipendente pubblico, diverso dal personale delle forze dell’ordine, non deve incoraggiare o costringere un bambino a nascondere informazioni ai suoi genitori”, afferma la legge. “Un dipendente pubblico non può nascondere ai genitori di un bambino informazioni rilevanti per la salute fisica, emotiva o mentale del bambini”.

News 4 JAX rileva che la nuova legge proibisce di facilitare l’aborto o gli interventi di “transizione di genere” su un minore senza il consenso dei genitori.

“I genitori hanno il diritto di essere coinvolti nel benessere dei propri figli. L’industria dell’aborto non ha il diritto di tenere i genitori all’oscuro in un momento in cui le loro figlie sono così vulnerabili e potrebbero essere in pericolo”, ha affermato Stacy Dunn, presidente del Tennessee Right to Life.

“I genitori sono coloro che amano e conoscono meglio i propri figli, e hanno il diritto e il dovere di indirizzarne l’educazione e la cura. Tuttavia, i diritti dei genitori sono stati compromessi dalle azioni del governo che li escludono da decisioni cruciali in materia di istruzione e assistenza sanitaria”, ha aggiunto Matt Sharp, consulente senior di Alliance Defending Freedom.

Questa legislazione frena gli eccessi del governo riaffermando il ruolo dei genitori nel guidare l’educazione, l’istruzione e l’assistenza sanitaria dei propri figli. Garantisce che i diritti dei genitori ricevano lo stesso livello di protezione giuridica degli altri diritti fondamentali, come la libertà di espressione e di religione.

L’indottrinamento dei bambini con l’ideologia di sinistra sulla sessualità e su altre questioni all’ordine del giorno della sinistra è stato a lungo una delle principali preoccupazioni nelle scuole pubbliche americane, dalle biblioteche alle politiche sullo sport e sui bagni, agli eventi scolastici che trascinano in classe materiali e persino la “transizione” dei bambini problematici senza coinvolgimento dei genitori.

Gli attivisti pro-LGBT e pro-aborto comunemente screditano le protezioni del coinvolgimento dei genitori, ma il pericolo di tenere i genitori all’oscuro di tali sviluppi è tristemente illustrato nella storia di Yaeli Martínez, una diciannovenne la cui “transizione di genere” è stata promossa come una possibile cura per la sua depressione del liceo, supportata da un consulente del liceo che ha nascosto quello che stava passando a sua madre. La ragazza problematica si è suicidata nel 2019 dopo aver tentato di vivere da uomo per tre anni.

Per quanto riguarda l’aborto, queste norme impediscono agli autori di abusi sessuali di utilizzare questa pratica per nascondere e continuare i propri crimini, a volte con la conoscenza e la collaborazione di Planned Parenthood.

Il Family Rights and Responsibilities Act rafforza un’altra legge del Tennessee, promulgata il mese scorso, che criminalizza direttamente la facilitazione degli aborti per minori senza il consenso dei genitori. Quest’anno, Lee ha anche firmato misure che richiedono informazioni sullo sviluppo fetale nelle scuole pubbliche e consentono ai dipendenti governativi di rifiutarsi di presiedere ai “matrimoni” gay.

 

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments