L’Austria diventa sempre più islamica

L’Austria diventa sempre più islamica

di Angelica La Rosa

“CI SONO SEMPRE PIU’ PERSONE CHE SI CONVERTONO ALL’ISLAM E TENDONO AD ESSERE RADICALI”

Più di un terzo degli studenti delle scuole primarie di Vienna sono musulmani, che rappresentano il più grande gruppo religioso tra le scuole primarie della capitale austriaca, ben prima degli studenti cattolici, che sono anche meno di quelli che non professano alcuna religione.

Secondo i dati pubblicati dalla Direzione Istruzione e citati dal portale di notizie Exxpress, il 35% degli studenti delle scuole elementari sono musulmani, mentre il 21% sono cattolici, il 13% ortodossi e il 2% protestanti (o appartengono a un’altra confessione). Poco più di uno su quattro alunni (26%) sono classificati come non religiosi.

I dati mostrano un aumento significativo del numero di bambini musulmani che frequentano le scuole primarie austriache rispetto ai dati rilasciati per l’anno accademico 2016/2017, quando i cattolici erano il più grande gruppo religioso, con il 31%, rispetto al 28% dei musulmani.

Il vicesindaco della capitale austriaca Christoph Wiederkehr, che è anche consigliere per l’istruzione, ha respinto le osservazioni di molti austriaci, secondo i quali l’aumento dovrebbe essere motivo di preoccupazione. “La fede è una questione privata e la libertà di credo o la libertà religiosa è una risorsa molto preziosa”, ha detto ai giornalisti.

Il sondaggio mostra anche che i giovani musulmani sono molto religiosi e la maggior parte sono membri praticanti attivi nelle rispettive moschee. Di conseguenza, tendono ad avere atteggiamenti più dispregiativi nei confronti di questioni come l’antisemitismo, l’uguaglianza tra uomini e donne e altri temi simili.

Kenan Gungen, sociologo ed esperto di diversità che consiglia il governo di integrazione austriaco, ha chiesto modifiche ai programmi di curriculum per accogliere le lezioni che promuovono i valori democratici fin dalla tenera età, al fine di combattere gli insegnamenti insegnati al di fuori della classe. “Ci sono sempre più persone che si convertono all’Islam e tendono ad essere più radicali”, ha avvertito Gungen. “Le lezioni dove si insegna la democrazia, l’etica e i valori dovrebbero essere obbligatorie fin dal primo anno”.

Ad aprile, Christian Klar, direttore di una scuola secondaria di Vienna, ha fatto riferimento alla crescente intolleranza nei confronti dei gruppi minoritari provocati dalla crescente popolazione studentesca islamica (il novanta per cento dei bambini della sua scuola sono figli di immigrati, e ben più della metà sono islamici). Klar ha spiegato che alcuni alunni si avvicinano all’Islam per evitare di essere molestati da quello che ora è un gruppo di maggioranza all’interno della scuola.

 

Foto di Alfred Dielmann da Pixabay

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments