Conosciamo San Canuto IV (Re di Danimarca)

Conosciamo San Canuto IV (Re di Danimarca)

di Mariella Lentini*

TRA I SANTI E I BEATI CHE SI FESTEGGIANO OGGI (Beata Agnese del Gesù (Silvia de Romillon), Sant’Amalberga, Sant’Amalberga di Maubeuge, Santa Anatolia, Santi Antonio Nguyen Hûu (Nam) Quynh e Pietro Nguyen Khac Tu, Sant’Apollonio di Sardi, Beato Arnaldo da Camerino, Beato Ascanio Nicanore, Sant’Audace, Beato Bernardo di Quintavalle, Santi Bianore e Silvano, Beato Emanuele Ruiz, Beato Engelberto Kolland, Sant’Ettone di Cambrai, Beato Faustino Villanueva y Villanueva, Santi Felice, Filippo, Vitale, Marziale, Alessandro, Silano e Gennaro, Beati Francesco, Abdel-Mooti e Raffaele Massabki, Santi Gennaro e Marino, Beato Giovanni di Velehrad, Santi Leonzio, Maurizio, Daniele, Antonio, Aniceto, Sisinno e compagni, Beata Maria Gertrude da S. Sofia de Ripert d’Alauzin, Beati Martiri di Damasco, Beato Nicola Alberga, Beato Pacifico, San Pascario di Nantes, San Pietro (Vincioli) da Perugia, Sante Rufina e Seconda, San Silvano (Silano), Santa Vittoria ) UN SANTO “REGALE”

Nato in Danimarca intorno al 1040, Canuto (Knude in danese, significa “legame, nodo”) è un re saggio, dal cuore buono. Guida il suo popolo ispirandosi ai valori cristiani e partecipa alle crociate contro popoli non ancora evangelizzati. Già da ragazzino rivela interesse per la religione, prega e spesso fa penitenza mangiando pochissimo. Si sposa con Adele, contessa di Fiandra, e diventa padre di tre bambini, tra i quali Carlo il Buono. Combatte, senza successo, al fianco dei Vichinghi contro i Normanni comandati da Guglielmo il Conquistatore che invadono l’Inghilterra, sua alleata. Altre battaglie compiute, invece, nell’Europa dell’Est (Prussia ed Estonia) per diffondere il Cristianesimo lo vedono vincitore.

Morti il padre e il fratello, Canuto, una volta diventato re, nel 1080, promulga leggi seguendo i principi della sua fede: protegge gli orfani, le vedove e i poveri. Fonda chiese e monasteri in tutto il Paese. Soprattutto cerca, in ogni modo, di ridare la libertà agli schiavi, donando ad ognuno un pezzo di terra da coltivare. Nel 1086 viene ucciso a Odense sull’isola di Fionia (Danimarca), nella Chiesa di Sant’Albano, da alcuni sudditi ribelli, contrari alla sua decisione di voler introdurre una tassa per finanziare le opere di assistenza della Chiesa (la decima). I contestatori sono sobillati e guidati da Olaf, fratello del re Canuto, bramoso di prendere il potere. Canuto, invece di difendersi, preferisce soccombere piuttosto che macchiarsi dell’omicidio del fratello.

Dopo l’incoronazione di Olaf, la Danimarca conosce un periodo di terribile carestia che il popolo interpreta come una punizione divina per l’assassinio di re Canuto. Tanti miracoli avvengono dopo la morte del re dal buon cuore, che viene proclamato patrono della Danimarca. Attualmente le sue spoglie sono custodite nella Cattedrale di Odense che porta il suo nome. Una cattedrale a lui dedicata sorge anche a Lund, in Svezia, fino al 1658 territorio del regno di Danimarca. Anche nel centro storico di Roma è visitabile una cappella intitolata a San Canuto, nella Chiesa di Santa Maria in Traspontina.

Per acquistare il libro
– su Amazon clicca qui
– su eBay clicca qui

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments