Sen. Scilipoti Isgrò: “suggerisco il criterio della proporzione tra persona e metri quadrati”


[sg_popup id=”1003″ event=”inherit”][/sg_popup]

 

“Apprezzo lo sforzo di Governo e Cei ( Conferenza Episcopale Italiana) addivenuti ad un regolamento concordato per la partecipazione alle liturgie esequiali con un numero di 15 persone (indipendentemente dal celebrante). Tuttavia, in spirito costruttivo di opposizione che deve fare proposte concrete, avanzo questa idea: prendere in considerazione, per le successive celebrazioni, (messe domenicali, feriali, battesimi, matrimoni) nei luoghi di culto (anche di qualsivoglia altro credo) il criterio della proporzione tra persona e metri quadrati.

In Polonia ad esempio, hanno scelto un modello interessante: una persona per ogni quindici metri quadrati, obbligo di mascherina, distanziamento e guanti. Si potrebbe prendere a paradigma questo modello indicato dalla Kep (Conferenza Episcopale Polacca) ed accettato dal governo di quella nazione.

D’altro canto, il numero di 15 persone, si presta a questa obiezione. 15 fedeli possono risultare troppi in una chiesetta di campagna, ma pochi e persino sperduti in una cattedrale come San Giovanni in Laterano. Mi permetto infine di aggiungere che il medesimo criterio della proporzionalità metraggio persone sia esteso a tutti i luoghi aventi spazi confinati ( teatri, cinema , sale concerto, associazioni culturali, musei, gallerie di arte )”.

Sen. Domenico Scilipoti Isgrò (Forza Italia, Presidente di Unione Cristiana

 

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments