Un vescovo: “dopo il Covid esiste il pericolo di una forma di comunismo statale”


 

“Non è stata ancora eseguita un’analisi obiettiva dell’origine di Covid-19. Esistono varie opinioni sul fatto che questo virus sia stato prodotto o sia di origine naturale. Questo sarà visto più chiaramente in futuro. La situazione oggettiva di un confinamento di quasi l’intera popolazione del pianeta è unica e questa proporzione non ha precedenti nella storia. Il confinamento radicale sta mostrando conseguenze disastrose nel settore economico, paragonabili alle conseguenze dovute a una guerra mondiale. L’economia privata è stata gravemente danneggiata. Sembra che dopo la crisi causata da Covid-19, lo stato avrà più influenza nella direzione della vita economica e anche nel possesso della proprietà. Esiste il pericolo di stabilire una forma di comunismo statale”

Ne è convinto Sua Eccellenza Monsignor Athanasius Schneider che ne ha parlato via internet con don Javier Olivera Ravasi.

Per il vescovo kazako, è evidente e crescente il “controllo dello stato sulla vita privata dei cittadini. Vi sono prove di dichiarazioni pubbliche da parte di politici in vari paesi circa l’introduzione di un vaccino obbligatorio per tutti i cittadini. Tuttavia, la conseguenza più dolorosa è il divieto del culto cattolico pubblico. Le drastiche misure di sicurezza sanitaria sono ovviamente sproporzionate”, ha dichiarato Schneider.

Tutto ciò, in particolare, se si fa il confronto del Coronavirus con le gravi influenze che si sono verificate negli ultimi anni. “In molti paesi, il tasso di mortalità per Covid-19 è inferiore a quello dell’influenza stagionale. In Kazakistan, ad esempio, finora abbiamo avuto solo 32 casi di decessi causati da Covid-19, su una popolazione totale di 18 milioni, e tra questi la maggioranza era costituita da persone anziane o con malattie precedenti e croniche. Ci sono anche casi testimoniati da membri del personale medico che falsificano il numero di Covid-19 infetti”, ha spiegato il vescovo.

“Questi fatti da soli dimostrano già la sproporzione delle misure adottate. Sospetto è anche l’orchestrazione della paura e del panico pubblico attraverso i media, condotta in modo unico secondo un pensiero uniforme, eliminando le voci dissidenti, come in una vera e propria dittatura. Il linguaggio delle notizie è chiaramente allarmante e rivela un carattere di propaganda. I metodi, il contenuto del rapporto di Covid-19, le misure di contenimento erano le stesse anche nei loro dettagli nella stragrande maggioranza dei paesi, come se fossero state pianificate da un ente centrale”, ha sottolineato sospettoso Athanasius Schneider.

Tutti questi elementi, secondo il vescovo, mostrano che questa situazione “viene utilizzata come strumento per scopi più globali, senza escludere la possibilità di una graduale istituzione di un Nuovo Ordine Mondiale, guidato da strutture ideologiche centrali”.

“Penso che nessuno di noi possa immaginare di vivere in un isolamento così drastico sotto il pieno controllo e una stretta supervisione, come in un vero stato di polizia, quasi uno stato di terrore della salute. Impressionante è il fatto che la maggioranza della popolazione accetta senza resistenza l’inizio di un controllo totale dei cittadini. Si dovrebbe aprire almeno un serio e pacifico dibattito scientifico e politico sulle cause, sul pericolo del contagio e sulla fatalità di Covid-19. Sembra che finora tale dibattito sia stato escluso dalla nomenklatura politica e dei media. Le voci dei dissidenti non sono ascoltate in tempi di totalitarismo. Ci si potrebbe chiedere se la situazione attuale sia una punizione divina. Tutte le catastrofi e le malattie naturali e persino la morte sono una conseguenza del peccato originale e sono quindi anche una punizione divina”.

Tuttavia, spiega monsignor Schneider, “la punizione divina è anche un mezzo di avvertimento per gli uomini, per risvegliarsi dalla sonnolenza del peccato e dall’indifferenza verso le realtà eterne. In questo senso, la situazione causata da Covid-19 può anche essere intesa come una punizione di Dio, principalmente per l’indescrivibile peccato dell’aborto, il meccanismo dell’omicidio di massa di bambini non ancora nati, e anche per il peccato di perversione e distruzione del matrimonio e della famiglia a causa dell’ideologia di genere. Ma, tutti gli eventi della storia sono nelle mani della Divina Provvidenza e nulla sfugge a queste mani di Dio”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments