L’accusa di un prelato: “i vescovi hanno reagito più come burocrati civili che come pastori”


 

“La maggior parte dei vescovi ha reagito in fretta e in preda al panico vietando tutte le masse pubbliche e, ancor più incomprensibilmente, chiudendo le chiese. Questi vescovi hanno reagito più come burocrati civili che come pastori. Concentrandosi esclusivamente su tutte le misure di protezione igienica, hanno perso una visione soprannaturale ed hanno abbandonato il primato dell’eterno bene delle anime. Finché i supermercati sono aperti e accessibili e finché le persone hanno accesso ai trasporti pubblici, non vi è alcun motivo plausibile per vietare alle persone di partecipare alla Santa Messa in una chiesa. Le stesse e migliori misure di protezione dell’igiene potrebbero essere garantite nelle chiese”.

Ne è convinto Sua Eccellenza Monsignor Athanasius Schneider che ne ha parlato via internet con don Javier Olivera Ravasi.

“I sacerdoti devono ricordare che sono soprattutto pastori di anime immortali. Se un sacerdote osserva ragionevolmente tutte le precauzioni sanitarie necessarie ed è discreto, non dovrebbe obbedire alle istruzioni di sospendere la messa per i fedeli. Tali linee guida sono pura legge umana; Tuttavia, la legge suprema nella Chiesa è la salvezza delle anime. I sacerdoti in una situazione del genere devono essere estremamente creativi nel consentire ai fedeli, anche per piccoli gruppi, di partecipare alla Santa Messa e accedere ai sacramenti. Questo era il comportamento pastorale di tutti i sacerdoti e i martiri al tempo della persecuzione”, ha spiegato il vescovo kazako.

“Se un’autorità ecclesiale proibisce a un sacerdote di visitare i malati e i morenti, il sacerdote non può obbedire. Tale divieto è un abuso di potere. Cristo non ha dato al vescovo il potere di vietare a un sacerdote di visitare i malati e morire. Un vero sacerdote farà del suo meglio per visitare una persona morente. Molti sacerdoti lo hanno fatto anche quando ciò significava rischiare la vita, sia in caso di persecuzione che di epidemia. Abbiamo molti esempi di tali sacerdoti nella storia della Chiesa. San Carlo Borromeo, per esempio, ha dato la Santa Comunione, con le sue stesse mani, nella lingua di un morente infetto dalla peste”, ha aggiunto monsignor Schneider.

“Un esempio geniale ed eroico è San Damiano di Veuster, che dedicò la sua vita alla cura pastorale dei lebbrosi molokai e che aveva preso la lebbra. Anche il Mahatma Gandhi ha dovuto affermare che il mondo ha pochi eroi paragonabili a padre Damiano di Molokai. Il Belgio, paese natale di San Damiano, l’ha proclamato il più grande santo della sua storia”, ha ricordato il vescovo.

“Negli ultimi decenni, molti membri della gerarchia della Chiesa sono stati immersi principalmente in questioni secolari e temporali, diventando come ciechi per le realtà soprannaturali ed eterne. ‘I suoi occhi erano pieni della polvere delle occupazioni terrene’, scriveva San Gregorio Magno (cfr. Regula pastoralis II, 7). La loro reazione al trattamento dell’epidemia di coronavirus ha rivelato che attribuiscono maggiore importanza al corpo mortale che all’anima immortale degli uomini, dimenticando le parole di Nostro Signore: ‘A che serve per l’uomo conquistare il mondo intero se perde la sua anima?’ (Mc 8,36). Gli stessi vescovi che ora cercano di proteggere (a volte con misure sproporzionate) i corpi dei loro fedeli dalla contaminazione di un virus materiale, hanno permesso al virus velenoso degli insegnamenti e delle pratiche eretiche di diffondersi nel loro gregge”, ha spiegato il vescovo Schneider.

Dio stesso ha istituito i sacramenti come normali mezzi di salvezza”, ha insegnato Schneider. “In casi estremi, dove non esiste alcuna possibilità fisica di ricevere i sacramenti del battesimo, della penitenza e dell’Eucaristia, esiste il modo straordinario di desiderare il sacramento, o come dice la teologia, del ‘votum sacramenti’. Pertanto, la Chiesa insegna che il battesimo del desiderio è valido e porta la salvezza alla persona non battezzata che desidera il battesimo, lo stesso vale per il sacramento della penitenza: la Chiesa insegna che l’atto della contrizione perfetta o amorevole, insieme al desiderio di ricevere l’assoluzione sacramentale, perdona i peccati. La comunione spirituale appartiene alla provata pratica della Chiesa e alla vita dei santi. Molti santi hanno praticato l’amicizia spirituale e hanno consigliato di farlo. Nell’atto di comunione spirituale, il credente deve avere un cuore contrito e desiderare la venuta di Cristo nella sua anima, con tutte le grazie che Cristo concede con l’accoglienza sacramentale della Santissima Eucaristia. Sono modi straordinari. Ma dobbiamo fare tutto il possibile per ritornare alle forme ordinarie dei sacramenti stabiliti da Cristo nella sua Chiesa. Ecco perché Dio è diventato carne, è diventato uomo, è diventato visibile, per darci una via visibile e sicura di salvezza. La diversa reazione alla situazione di privazione dei sacramenti mostra lo stato d’animo e la fede nei membri della Chiesa e nella gerarchia. Speriamo che ci sarà una nuova fame di Eucaristia nei fedeli quando passerà l’epidemia di coronavirus. È un’esperienza umana comune che la privazione prolungata di una realtà importante infiammerà i cuori di coloro che la vogliono. Naturalmente, questo vale per coloro che credono veramente e amano veramente l’Eucaristia. Questa esperienza aiuta anche a riflettere più profondamente sul significato e sul valore della Santa Eucaristia. Forse quei cattolici che erano così abituati a ricevere il Santissimo Sacramento, al punto di considerarlo comune, sperimenteranno una conversione spirituale e comprenderanno e tratteranno la Santa Eucaristia come qualcosa di straordinario e sublime”.

In merito alla comunione in mano, il vescovo ha ricordato: “Ci sono opinioni di esperti nel campo della medicina e della chimica che affermano che l’accoglienza della Comunione in bocca non è di per sé pericolosa e che non è più pericolosa che riceverla direttamente nella mano. Speriamo che la Congregazione per il Culto divino emanerà norme che garantiscano ai fedeli il diritto di ricevere la Comunione in bocca. Le stesse garanzie igieniche possono essere fornite per la Comunione nella bocca come per la Comunione nella mano. Nel caso in cui un fedele o la sua coscienza non possano ricevere la Comunione in mano, può fare la Comunione spirituale. Un metodo come soluzione estrema sarebbe che ogni credente potesse avere il suo piccolo panno bianco, un corporale, che mette nel palmo della mano destra e riceve la Comunione in ginocchio, prendendo l’ostia consacrata direttamente con la bocca, senza toccarlo con le dita e poi piega questa piccola stoffa o corporale e dopo la Messa farà la purificazione del corporale per evitare la perdita dei piccoli frammenti eucaristici. Ma anche un tale metodo, molti preti non lo accetteranno, perché vogliono imporre con forza la comunione in mano. Il diffuso modo di comunione sulla mano aggraverà ulteriormente la desacralizzazione della Santa Eucaristia. La situazione della sospensione pubblica della Santa Messa e della Comunione sacramentale è così unica e seria che dietro a tutto ciò si trova un significato più profondo. Questo evento ebbe luogo quasi cinquant’anni dopo l’introduzione della Comunione (nel 1969) e una radicale riforma del rito di Messa (nel 1969/1970) con i suoi elementi protestanti (preghiere offensive) e il suo stile orizzontale e istruttivo (momenti rituali in stile libero, celebrazione in un cerchio chiuso). La pratica della Comunione in mano negli ultimi cinquant’anni ha portato a una profanazione involontaria e talvolta intenzionale del corpo eucaristico di Cristo su una scala senza precedenti. Per oltre cinquant’anni, il Corpo di Cristo è stato calpestato (principalmente involontariamente) dal clero e dai laici nelle chiese cattoliche di tutto il mondo. Anche il furto di particole consacrate è aumentato a un ritmo allarmante. La pratica di ricevere la Santa Comunione direttamente con le proprie mani assomiglia sempre più al gesto di mangiare cibo comune. In molti cattolici, la pratica di ricevere la Comunione sulla mano ha indebolito la fede nella Presenza reale, nella transustanziazione e nel carattere divino e sublime dell’ostia consacrata. Nel tempo, la presenza eucaristica di Cristo è diventata, inconsciamente, per questi fedeli una sorta di pane o simbolo sacro. Credo che se la Chiesa non ritornerà al modo più riverente e sicuro di ricevere il Corpo eucaristico di Cristo (in ginocchio e direttamente in bocca), Dio potrebbe inviare una punizione più forte per purificarla. Nella situazione dell’imposizione forzata della Comunione in mano, credo che i fedeli dovrebbero avere la possibilità di ricevere, almeno periodicamente, la Comunione in bocca durante le messe celebrate da sacerdoti fedeli in, per così dire, circostanze clandestine o ‘catacombali’. Le catacombe hanno sempre portato molti frutti spirituali nella vita della Chiesa”, ha concluso Schneider.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments