Arcivescovo: “mai costringere i fedeli alla comunione sulle mani!”

29

 

Un arcivescovo polacco in pensione ha avvertito i suoi fratelli vescovi e compagni sacerdoti che “finiranno all’inferno” per aver costretto i fedeli a ricevere la Santa Comunione solo nella mano in risposta alla pandemia di coronavirus.

Secondo l’arcivescovo Jan Pawel Lenga i sacerdoti che insistono nell’offrire la comunione solo nella mano sono ignoranti in Storia della Chiesa e privi  di rispetto verso il Santissimo Sacramento.

“Tali sacerdoti non rispettano ciò che è sacro e costringono gli altri a violare le loro coscienze”, ha affermato l’arcivescovo in un’intervista per wRealu24.

“La Polonia è ancora zelante nella fede e il popolo polacco non vuole prendere la Comunione per mano e alzarsi in piedi, come nel degenerato mondo occidentale”, ha detto Lenga. “Il coronavirus viene utilizzato per rompere le coscienze delle persone”.

Lenga ha lanciato un severo avvertimento a quei vescovi e sacerdoti che insistono per amministrare l’Eucaristia esclusivamente nella mano: “Li sto invitando a smettere, o finiranno all’inferno per farlo”.

Lenga ha affermato che certi sacerdoti hanno perso il senso del sacro e sono diventati nient’altro che “amministratori”. Dicono agli altri cosa fare ma non rispettano veramente Cristo come Dio.

“Sanno solo ascoltare il governo senza pensarci e fare tutto quello che dicono”, ha detto Lenga. “Sono pronti a negare Gesù e distruggere tutto”.

“C’è timore della morte umana invece della paura del Giorno del Giudizio, o delle punizioni di Dio, che arriveranno!” ha dichiarato l’arcivescovo.

“Signori, piegate le ginocchia”, ha concluso l’arcivescovo, invitando vescovi e sacerdoti a pregare di più.

 

ANGELICA LA ROSA

 

29 thoughts on “Arcivescovo: “mai costringere i fedeli alla comunione sulle mani!”

  1. Sono completamente daccordo!!!
    Un Santo sacerdote mi disse che le nostre mani possono essere sante, ma solo il sacerdote ha le mani Consacrate!!! Questo
    fa la differenza, il Corpo di Cristo non può portare il coronavirus…..se non crediamo non abbiamo fede. Molti sacerdoti si sono fatti schiavi del governo, con la sofferenza di tutti i “Veri” credenti.

        1. Buon giorno ,io non mi sento di giudicare i sacerdoti ,loro devono ubbidire il Papa ha accettato alla legge che il governo ha istituito ,di chiudere le chiese ,mentre le chiese servivano x pregare e chiedere la Benedizione di Dio e stare in ginocchio e chiedere aiuto a Gesù x sconfiggere la Pandemia ,si chiese aiuto a chiudere ,percui che colpa ne hanno i sacerdoti ,anzi lo stato oppure le istruzione della sanità aveva detto di usare i guanti ,anzi loro hanno trasgredito che somministrano l’Eucaristia con le mani ,per cui volevo dire al Monsegnore che non vanno i sacerdoti all’inferno perché hanno sofferto soli in silenzio ,percui semmai chi ha dettato legge ,perché se trasgredisce multa salata ,ci hanno trasmesso tanta ansia e paura ,mi scusi Monsignore ma i sacerdoti all’inferno non vanno ,grazie Anna Maria Sanfilippo

    1. Ma per piacere… Gesù non ha mica imboccato gli apostoli nell’ultima cena, e non li aveva ancora mandati in missione, lo ha fatto dopo la resurrezione, quindi gli apostoli erano semplici seguaci di Cristo come lo siamo noi,inoltre ha addirittura dato il pane a Giuda pur sapendo che li avrebbe tradito.
      C’è stato un concilio di vescovi di tutto il mondo 50 anni fa, saranno mica andati tutti all’inferno perché hanno deciso di dare la comunione in mano? Papa woitila la dava in mano,e nessuno mette in dubbio che sia in paradiso. Queste diatribe sono opera del diavolo che vuole dividere la chiesa,aprite gli occhi della coscienza,e pregare che lo Spirito Santo vi illumini.

      1. Semplici seguaci come noi??? Scherza spero. Hanno vissuto e assimilato Gesù Cristo, vero Dio e vero Uomo, e benché sempre umani sono stati santificati da Lui. Gli Apostoli erano istituiti Vescovi.

      2. Volevo condividere alcune riflessioni del tutto personali e pertanto assai discutibili.
        Non è difficile comprendere che attualmente con la scusa del covid-19, sia in atto un attacco luciferino e senza precedenti verso la santissima Eucarestia ed in generale verso la Santa Chiesa Cattolica e ciò credo che sia palese e manifesto a ciascuno di noi credenti e non solo.
        Basta andare in un centro commerciale, a pranzo od a cena in un ristorante o pizzeria, per comprendere appieno la disparità di trattamento, che si usa tra questi ultimi esercizi e la stessa Chiesa, quasi che fosse un luogo di diffusione preferenziale del contagio dovuto esclusivamente e soprattutto alla somministrazione della Santissima Eucaristia….
        E purtroppo molti sacerdoti anche molto santi e scrupolosi che ho la fortuna di conoscere personalmente, si sono tuttavia adeguati alle norme emanate dal ministero della salute anche per il fatto che a detta di questi ultimi, vi sono anche alcuni fedeli che riportano alle autorità competenti di controllo, dei comportamenti non conformi a quanto stabilito dai regolamenti anti covid, con le conseguenti reprimende morali ed economiche di autorità civili e religiose.
        E venerdì 19 giugno sera parlando con un sacerdote, che addirittura nel passato non voleva mai somministrare la comunione nelle mani con la scusa che la dava nelle due specie, come nella messa in coena domini, ho potuto cogliere nei suoi discorsi una profonda amarezza e tristezza per queste disposizioni e per questo insopportabile clima di delazione che disgraziatamente si sta ora insidiosamente infiltrando nella Casa di Dio.
        Tuttavia vorrei porre a tutti una riflessione.
        I primi tempi mi sono sempre astenuto dalla comunione, in quanto non mi sembrava degna la ricezione di un così grande Sacramento in quelle condizioni e pertanto mi affidavo solamente ad una comunione spirituale.
        In seguito ho invece riflettuto e osservando il Corpo di Cristo che veniva afferrato dalle mani del sacerdote ricoperto da guanti indegni, per non dire ributtanti, mi veniva da piangere per l’ennesima umiliazione alla quale il Corpo Sacratissimo di Nostro Signore Gesù Cristo, veniva sottoposto.
        Ciò mi ha fatto venire un dubbio e cioè ho pensato che se il Signore si umilia per l’ennesima volta per la salvezza dell’umanità indegna, chi sono io per non ricevere l’Eucaristia, pur in queste deprecabili condizioni?
        Non sarà viceversa il mio amor proprio, mascherato da falso zelo e pietà a costringermi con sdegno a rifiutare la Comunione e ad affidarmi semplicemente alla Comunione spirituale?
        Qualche giorno fa ho voluto ricevere la Comunione e dal momento che i sacerdoti passano tra i banchi somministrando l’Eucaristia individualmente, l’ho ricevuta pur tra le mie mani indegne, ma inginocchiato nel banco.
        Comunque le mie sono riflessioni ed esperienze del tutto personali e non vorrei mai e poi mai influenzare alcuno.
        Da tutto ciò emerge che la Misericordia del Signore è senza limiti e per tali superbi comportamenti dell’uomo dietro i quali si cela una obiettiva irriverenza, posso dire che la passione di Nostro Signore Gesù Cristo è presente soprattutto ai giorni nostri.
        🙏🙏🙏

        1. Il Signore è oltre tutti e tutto . Non soffermiamoci a guardare chi e in che modo ci offre l’eucarestia . Non giudichiamo. Riceviamo Gesù Cristo dentro di noi, tutto questo dovrebbe bastare …

        2. Sono d’accordo con te andiamo tutti all’inferno perché riceviamo Gesù Eucaristia in mano per favore smettiamola caro vescovo di impaurire

      3. Buonasera, la invito ad approfondire la fede che dice di professare. Legga la storia della chiesa e magari anche un testo che porta la prefazione del Cardinale Sarah sul libro molto ben documentato di Don Federico Bortoli, uscito nel 2018 sui profili storici della comunione sulla mano. Cordiali saluti.

      4. Falso!!! San Giovanni Paolo II dava e riceveva la S. Comunione in bocca!!! Si informi prima di scrivere certe Eresie!!!

      5. Certo che sono tutti all’inerno!!!! Il Concilio Vaticano ll NON HA MAI ratificato la comunioe in mano, non ha detto di ricevere Gesù in piedi e non ha detto di togliere le balaustre alla chiese. Papa Paolo VI dopo aver riunito tutti i vescovi del MONDO, per la comunione in mano, questi hanno detto NO!!!!!.

    2. Anch’io sono d’accordo ! Sono molto rammaricata e triste per questo atteggiamento che sta avendo la chiesa. Non riesco ad accettarlo e non sto andando neanche in chiesa , fino a quando non si tornerà alla normalità . Spero e mi auguro molto presto ! A me sembra un grande sacrilegio , questo modo di fare.

    3. Sono d’accordo con lui , in questo periodo ,andare a Messa e non poter ricevere il corpo di Cristo , mi costa molto, ma faccio la . Comunione spirituale ,sperando ogni giorno che la situazione cambi.preghiamo x questi sacerdoti e vescovi che si sono allontanati da Dio

    4. Qualcuno per piacere avrebbe la gentilezza di spiegarmi perché la lingua di un battezzato è più santa delle sue mani?

      1. Con le mani si tocca tutto, con la lingua si tocca ciò che è igienizzato o PURO come IL CORPO DI GESÙ CRISTO.

    5. Quando LA PARTICOLA è CONSACRATA diventa il CORPO E IL SANGUE DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO NELLA SUA DIVINITÀ e quindi, anche se venisse intaccata da un corpo esterno, per quanto malefico possa essere, perderebbe il suo potenziale malefico essendo una creatura che viene neutralizzata DAL CREATORE essendo DIO AMORE. La prima cosa che GESÙ chiede nel VANGELO è LA FEDE e anche a non chiederla, GUARISCE CHI TOCCA IL SUO MANTELLO CON FEDE, perché SENTE che da LUI ESCE UN’ENERGIA che SOLO LUI È CAPACE DI PROVARE da chi LO TOCCA con FEDE con l’intenzione di guarire. O crediamo in GESÙ EUCARISTIA o siamo infedeli e facciamo solo palcoscenico rendendo la Chiesa un teatro, come è solito fare in tante occasioni quando si battono le mani per un matrimonio, per un battesimo, per l’acclamazione ad una statua che si porta in processione e altro. Purtroppo si è arrivati a confondere il SACRO col profano e si è dimenticato che SULLA CROCE C’È GESÙ CRISTO FIGLIO DI DIO e, non un foglio di protocollo inchiodato e da osservare per non far perdere la poltrona al Sacerdote che, per obbedienza, non sa più come comportarsi. Da quando è iniziata la pandemia, io faccio la COMUNIONE SPIRITUALE perché non mi sento degno di prendere GESÙ CRISTO con le mie mani. COL CORPO DI GESÙ CRISTO si sta giocando troppo e lo si dona con molta leggerezza, come fosse una caramella, in più si manca di RISPETTO non credendo in ciò che LUI È e LO SI OFFENDE lavandosi le mani con putrido gel. DIO è DIO non una creatura ma IL CREATORE e NELLA PARTICOLA CONSACRATA C’È LUI PRESENTE IN CORPO, ANIMA E DIVINITÀ e ripeto, nessun agente esterno può intaccarlo perché viene neutralizzato il suo potere malefico da DIO CHE È AMORE.

    6. Io dopo l’apertura delle Chiese con la fine delle restrizioni al Culto,non mi sono mai Comunicato.Ho rifiutato sia l’uso dei guanti da parte del Sacerdote,sia di ricevere nelle mani il Corpo ed il Sangue di Gesù Cristo,ed alla mia legittima protesta,il Sacerdote mi ha negato la Comunione con Cristo.Sono tornato a trovarlo per ricordargli e per una Correzione Fraterna,che è un sacrilegio toccare l’Ostia Consacrata con del materiale impuro quali sono dei guanti,non ha accettato la Correzione,giustificandosi che era ” costretto” da un ordine del Vescovo.Risultato che sono molti mesi che non posso e non voglio Comunicarmi.Anche se nel frattempo non usano più i guanti,continuano a rifiutarsi ad appoggiarla sulla lingua.Il Corpo ed Il Sangue di Gesù non potrebbe mai permettere un danno a chi per Fede e per il Suo Amore si avvicina per ricevere la Sua Grazia e la Sua Benedizione.

  2. Il signore ci ha fatto due mani per utilizzarle per cose buone, in questo periodo turbato non accaniamoci come ricevere Gesù Eucaristia. l’ importante è riceverlo in stato di grazia e va bene anche sulla mano. Non scandalizziamoci lui ci ama e vi accoglie così come siamo.

    1. Questa è una risposta umana e non Divina per giustificare il peccato. LA SPIRITUALITÀ non va confusa con la materialità dei nostri sentimenti. San Paolo dice che ciò che appartiene allo SPIRITO è contrario a ciò che appartiene alla materia, quindi attenzione a certe leggerezze.

  3. Tali volgari violenze morali erano operate già da alcuni sacerdoti prima dello scoppio mondiale della pandemia. Per questo la visione in forma digitale condivisibile di alcune Sante Messe in rito antico ha semplicemente umiliato la brutalità, volgarità, approssimazione e degenerazione sistemica frutto di anni di studio fasullo e idiota e di scomuniche date ai vescovi sbagliati.

  4. All’inferno finirinno coloro che “hanno spento nell’uomo la speranza di amore”(Santa Teresa di Calcuitta)” povero Arcivescovo!!!

  5. Ho 71 anni, non ho MAI, dico MAI PRESO LA COMUNIONE in mano e quadi sempre in ginocchio. Covid, ascolto per mesi la messa in csa con comunione spirituale. Pero’ sento la necessità del Corpo di Cristo. Cosi , dopo aver chiesto consiglio al sac , metto sulla mano una pezzolina di lino antico, sono stata redarguita davanti a tutti. Il sac,non mi parla più , perche’ ho osato inviargli, un post in cui si parla della comunione in mano e un messaggio accorato, non letto, in cui gli spiegavo l’ importanza per me della comunione in bocca. Non ha letto, gli ho telefonato , mi ha chiuso il telefono. Dove ho sbagliato?

    1. Adesso i veri Cristiani sono divenuti eretici e anziché accoglierli come pecorelle smarrite o disorientate, si lavano le mani alla Pilato divenendo non Ministri di DIO ma funzionari amministrativi. Cado nel giudizio e prego DIO per la Loro conversione.

  6. Ho preso rimbrotti da sac perche ‘ ho messo sulla mano una strisciolina ricamata di lino , dono di un sac. Me l’ anno scostata e messo la particola sulle dita. Non ho , mai, dico mai preso la comunione in mano in tutta la mia vita. Solo il Sac che consacrato puo’ toccarla. Ho visto questo atteggiamento una prevaricazione a cio in cui credo fermamente . Per aver inviato al mio sac un post ” Come si è arrivati alla comunione in mano” mi ha si può dire ” bandita”. Non è giusto!!! Troverò sicuramente un altro sac che crede fermamenteche Gesù va preso in bocca. Papa Paolo VI disse che al Concilio Vaticano Ii ” era uscito il fumo nero di satana”

  7. Adesso i veri Cristiani sono divenuti eretici e anziché accoglierli come pecorelle smarrite o disorientate, si lavano le mani alla Pilato divenendo non Ministri di DIO ma funzionari amministrativi. Cado nel giudizio e prego DIO per la Loro conversione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Costanza Miriano: "i media sono praticamente tutti dalla parte della lobby"

Ven Giu 26 , 2020
La presentazione di questo dibattito non lascia presagire una vera volontà di confronto, sennò avrebbero […]