La grande musica italiana, “evitata” dal mainstream, alla fine approda su Radio Padania

1

Uno dei più grandi violinisti al mondo, il lombardo Uto Ughi, intervistato oggi sul quotidiano diretto da Maurizio Belpietro “La Verità”, si è salutarmente espresso contro il Pensiero politicamente corretto (cfr. Uto Ughi: “Su Radio Padania farò riscoprire il valore della musica agli italiani”, intervista a cura di Francesco Borgonovo, 28 giugno 2020, p. 15).

Oltre a non dissimulare le sue preferenze politiche sebbene demonizzate dalla maggioranza del mondo della cultura, («Salvini mi piace, esprime idee forti»), il grande musicista ha anche fornito un contributo spesso ignorato dal centrodestra: «Errore lasciare la cultura nelle mani della sinistra», ha detto.

Quindi Ughi, anche in questo caso non curante delle conseguenze lavorative che ne potrebbero conseguire, ha così liquidato in due parole l’operato del Governo Conte 2: «Fa il contrario di quel che dice».

Nell’intervista è infine annunciato lo spazio fisso dedicato al violinista sulla radio della Lega “RPL – La Tua Radio”. Il primo appuntamento in diretta con Uto Ughi sarà mercoledì prossimo, 1° luglio, dalle ore 14 alle 15.

 

Giuseppe Brienza

 

One thought on “La grande musica italiana, “evitata” dal mainstream, alla fine approda su Radio Padania

  1. Ben venga la musica Italiana. Assolutamente no alla musica con contenuti subliminali, es. satanisti o similari. Grazie, Pietro Paolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

She said no to euthanasia for three times. The fourth while she was being killed

Dom Giu 28 , 2020
Not so long ago we told you about a sentence, worrying to us at Steadfast, […]