Il Festino di Santa Rosalia, un video “ironico”, un disastroso nubifragio a Palermo…


Il 15 di luglio è un giorno solenne per la città di Palermo. Infatti, è il culmine della festa estiva dedicata a Santa Rosalia (il cosiddetto Festino di Santa Rosalia, “u fistinu” in lingua siciliana).

Si festeggiano insieme sia il giorno del ritrovamento delle spoglie mortali della Santuzza (il 15 di luglio del 1624) sia il giorno in cui queste furono portate per la prima volta per la città con una Solenne Processione (il 9 di giugno del 1625) durante la quale, al canto del “Te Deum Laudamus”, ci fu il blocco della peste con il regredire del contagio e l’inizio delle guarigioni pubbliche degli appestati.

Il 15 luglio, quindi, durante la giornata, ci sono varie messe solenni in cattedrale e poi nel pomeriggio, verso le 18, inizia la processione con le Sacre Reliquie di Santa Rosalia contenute in un’artistica Arca argentea. La processione, dopo una sosta a Piazza Marina, dove il vescovo di Palermo dà un messaggio alla città, prosegue per le vie antiche fino al rientro in Cattedrale dove, con la benedizione e i fuochi d’artificio si concludono i solenni festeggiamenti.

Quest’anno tutto è stato sconvolto da un violento nubifragio. “Sono scene apocalittiche quelle che si stanno svolgendo in queste ore a Palermo per via del nubifragio pomeridiano nel giorno del festino. Scene preoccupanti che fanno presagire una conta dei danni che potrebbe rilevarsi dolorosa”, ha scritto il Blog Sicilia.it.

Già si registrano due morti e alcuni feriti. E l’ammontare dei danni sarà effettivamente elevato.

Intanto, per la festa di quest’anno i “Tenerumi”, una band palermitana, ha composto un clip musicale “ironico” definito dai componenti “una preghiera per Santa Rosalia, un omaggio a Santa Rosalia”.

Così Massimo Scalici al piano, Carmelo Pinzone alle chitarre, Felipe Prefetti alla batteria, Jack Lucchese alla tromba e Gerardo Vitale al Sax, Ivan Fiore, voce, Carla La Rizza nella parte di Santa Rosalia, Giacomo Matranga alle coreografie e Vassily Sortino alla Comunicazione, hanno proposto il pezzo che potete vedere qui:

A noi questo video non è piaciuto proprio. Altro che ironico! Comunque giudicate voi, cari lettori!

Per concludere riteniamo sconvolgenti le parole del sindaco di Palermo Leoluca Orlando che, commentando la tragica giornata di oggi, che ha visto Palermo essere sommersa da un nubifragio che ha anche provocato due vittime, ha dichiarato: “oltre un metro di pioggia è caduta oggi a Palermo in meno di 2 ore. La pioggia più violenta nella storia della città almeno dal 1790, pari a quella che cade in un anno. Una pioggia che nessuno, nemmeno i metereologi che curano le previsioni nazionali, aveva previsto, tanto che nessuna allerta di Protezione Civile era stato emanata per la nostra città”.

 

ANGELICA LA ROSA

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments