Omotransfobia, è stato hackerato il profilo del vice presidente di Pro Vita e Famiglia


“Il mio profilo Facebook è stato hackerato. Sintomo questo della brutta situazione che stiamo vivendo? Strano che succeda proprio in questo momento in cui lottiamo per evitare il bavaglio arcobaleno e contro quanti vorrebbero imporre l’indottrinamento gender nelle scuole cancellando diritti costituzionalmente garantiti come quello di opinione e di pensiero” ha dichiarato Jacopo Coghe vice presidente di Pro Vita e Famiglia spiegando di non poter più accedere alla sua pagina social.

“Un profilo, il mio, che giorno per giorno spiegava e metteva in luce le ombre del ddl Zan-Scalfarotto sull’omotransfobia, in discussione in Commissione Giustizia, e che dava notizia dei gravi attacchi, degli insulti e delle ingiurie che stanno vivendo come me tanti genitori e persone che credono nella famiglia naturale e che vogliono poter continuare a dire che un bambino ha bisogno di mamma e papà” ha concluso Jacopo Coghe.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments