Morto muezzin di Santa Sofia a pochi giorni dall’islamizzazione


A pochi giorni dalla controversa decisione del presidente turvo Recep Tayyip Erdogan di trasformare l’antica basilica cristiana di Santa Sofia in luogo di culto islamico è arrivato una notizia che stupisce. Il muezzin della neo-moschea, Osman Aslan, è morto all’improvviso mentre si trovava all’interno dell’edificio. Secondo quanto riferisce in una nota il governatorato della città di Istanbul, dietro al decesso vi sarebbe un attacco cardiaco che è risultato fatale.
Il muezzin Aslan ha prestato servizio ad Hagia Sophia sin dal primo giorno della sua conversione e, negli ultimi anni, è stato tra i più accesi sostenitori della riconversione di Santa Sofia.
Intanto ad Atene la comunità musulmana locale, circa 300mila persone in maggioranza migranti da oltre 20 in Grecia, teme che la conversione di Santa Sofia possa ritardare ancor più l’ apertura della prima moschea nella capitale, unica in Europa a non avere luoghi di culto islamici, grazie all’opposizione della Chiesa greco-ortodossa e dei gruppi nazionalisti ellenici.

 

Angelica La Rosa

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments