Opus Dei, “arrivano” 29 sacerdoti provenienti da 13 Paesi del mondo


Sabato prossimo, alle ore 10.30, presso la Basilica Romana di Sant’Eugenio (viale delle Belle Arti, 10), saranno ordinati sacerdoti 29 diaconi, appartenenti alla Prelatura dell’Opus Dei, provenienti da 13 Paesi del mondo.

La liturgia, originariamente prevista per il 23 maggio, è stata rinviata dapprima sine die a causa della crisi Covid-19 ma, finalmente, è stata programmata per il 5 settembre nella chiesa nel quartiere Piciano, affidata dalla Diocesi di Roma alla cura dei sacerdoti dell’Opera fondata da san Josemaría Escrivá (1902-1975), canonizzato da Papa Giovanni Paolo II nel 2002

«Offro questo rinvio e l’incertezza riguardo la possibilità di condividere questo importante momento con le nostre famiglie e con gli amici per le anime dei defunti e per le persone che soffrono la malattia e la solitudine», aveva detto a suo tempo uno dei diaconi che sarà ordinato questo sabato, Pablo Erdozáin (nella foto).

Assicurando nel contempo tutti gli amici e fedeli dell’Opus Dei a tenere duro: «Continueremo a prepararci con molto entusiasmo, cercando di servire ogni persona nella misura permessa dalle circostanze, in modo particolare, con la nostra preghiera. Portare a tutti la consolazione di Dio sarà, a partire da settembre, il più grande regalo che possiamo offrire e condividere con loro». 

La cerimonia di ordinazione, che vedrà come Vescovo consacrante dei nuovi sacerdoti il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato della Santa Sede, sarà interamente trasmessa in streaming da questo link: www.opusdei.org/live. A causa della crisi sanitaria, l’accesso alla Basilica è limitato ad alcuni parenti ed altre persone con invito. Per maggiori informazioni: e-mail international@opusdei.org; cell: +39 333.4788131.

 

Giuseppe Brienza

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments