Cardinale propone di unificare le due forme del rito romano, pre e post conciliari


Intervistato dalla rivista Herder Correspondence, il cardinale e presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani ha  suggerito un’idea per il futuro che riguarda il rito della Messa.

“Ci dovrebbe essere una riconciliazione delle due forme”, ha spiegato il cardinale svizzero Kurt Koch, riferendosi al rito post conciliare riformato da San Paolo VI e al rito pre Concilio Vaticano II, che ha sempre accompagnato la storia della Chiesa e che da ultimo era stato leggermente ritoccato da San Giovanni XXIII.

“Così potremmo avere una forma come sintesi anziché due diverse forme”, ha spiegato Koch. Il cardinale ha assicurato che non ci si può aspettare nient’altro, poiché a lungo termine non può rimanere la coesistenza delle due forme.

“L’Eucaristia è la celebrazione centrale dell’unità della Chiesa. Non può avere questo significato se ci sono conflitti e controversie al riguardo”, ha detto il presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani.

Specificando il suo pensiero al Die Tagespot, il cardinale ha detto che un tale cambiamento richiederà probabilmente molto tempo e molta pazienza.

Il cardinale ha chiarito al Die Tagespot che le sue considerazioni sulla rivista Herder Corrispondence si basano sul pensiero di Papa Benedetto. Secondo Koch, Papa Benedetto XVI era consapevole che “a lungo termine, la coesistenza delle forme, ordinarie e straordinarie del rito romano, non poteva continuare” ma che “la Chiesa avrà bisogno di un rito comune in futuro”.

Sempre secondo il cardinale, Benedetto XVI sapeva anche che una nuova riforma liturgica non può essere prescritta, poiché richiede un processo di crescita. Tale tesi era stata formulata dall’attuale Papa Emerito già nel 2000 attraverso il libro di interviste “Dio e il mondo”, dove aveva assicurato al giornalista Peter Seewald riguardo a un possibile cambiamento nella liturgia che “se una sorta di movimento si sviluppa dall’interno e non è semplicemente imposta dall’alto, allora arriverà”.

 

Angelica La Rosa


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments