Suor Margherita Marchione: «Pio XII emanava proprio la santità»


IL CARD. MAURO PIACENZA CELEBRERÀ STASERA A ROMA UNA MESSA IN RICORDO DI SUOR MARGHERITA MARCHIONE, LA RELIGIOSA RECENTEMENTE SCOMPARSA E INTERNAZIONALMENTE NOTA PER L’IMPEGNO PROFUSO IN FAVORE DELLA CAUSA DI BEATIFICAZIONE DEL VENERABILE PIO XII. A PAPA PACELLI, ANCORA VITTIMA DELLA CAMPAGNA DI DIFFAMAZIONE ORCHESTRATA DAI SOVIETICI NEGLI ANNI 1960, LA RELIGIOSA HA DEDICATO BEN 10 LIBRI, TUTTI BASATI SU DOCUMENTI ORGINALI E FONTI DIRETTE, CHE LO DESCRIVONO COME UN UOMO COLTO E PIO, CHE HA ASSUNTO IL RUOLO DI “DEFENSOR PACIS” NEGLI ANNI BUI DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

Di Giuseppe Brienza

«Mi ha parlato come se fossimo amici da tanti anni. Sono rimasta colpita dalla sua gentilezza, dal suo sorriso. L’emozione che provai, l’impressione che ebbi in quest’incontro sono ricordi preziosi, indelebili, che ho mantenuto per tutta la vita. Emanava proprio la santità» (cit. in Carmen Elena Villa, Pio XII: la sua principale biografa ne racconta opere e qualità, ZENIT.org, 5 giugno 2010). In questi termini la suora internazionalmente nota come la maggiore biografa di Pio XII, Margherita Marchione (1922-2021) delle Maestre Pie Filippini, ha rievocato in una recente intervista il suo incontro, avvenuto nella Basilica di San Pietro nel 1957, con Papa Pacelli.

Ricordiamo che nel 2009 sono state riconosciute a Pio XII le “virtù eroiche” a seguito di un decreto della Congregazione per le Cause dei Santi autorizzato da Papa Benedetto XVI. Da allora, quindi, Pacelli gode del titolo di “venerabile”. Secondo un episodio riportato a suor Margherita dalla nipote di Pio XII, Elena Rossignani Pacelli (1881-1970), nella notte del 9 ottobre 1958 nella quale morì il Papa, Padre Pio da Pietrelcina si svegliò intorno alle due e trenta, destato da un ticchettio di vetri sulla finestra della sua cella: vide un uccellino bianco ed ebbe una ”chiara visione” della morte di Pio XII e della sua salita al Cielo. Profondamente turbato da questa visione, convocò subito i fratelli in cappella per pregare per il Papa. Poche ore dopo si seppe che Pacelli era morto.

Stasera, alle ore 18, per iniziativa del “Comitato Papa Pacelli-Associazione Pio XII”, si terrà a Roma, nella Chiesa di San Salvatore in Lauro (piazza San Salvatore in Lauro 15, a pochi passi da Piazza Navona), una Santa Messa celebrata dal Card. Mauro Piacenza, Penitenziere Maggiore, in onore di Suor Marchione, salita al Cielo il 19 maggio scorso. Per l’impegno profuso in tanti anni a favore della causa di beatificazione di Papa Pacelli, la religiosa era chiamata “l’Avvocata di Pio XII”.

Negli ultimi decenni aveva pubblicato dieci libri in inglese e italiano su Papa Pacelli, fra i quali ricordiamo soprattutto due opere particolarmente documentate e diffuse come Pio XII. Architetto di pace (Piemme, Casale Monferrato 2002) e Eugenio Pacelli Pio XII (Bibliotheca Ed., Roma 2007).

La produzione della suora italo-americana ha contribuito molto a smascherare le accuse che, talvolta ancora riprese, derivano da una lontana ma ancora efficace campagna di disinformazione e diffamazione orchestrata a suo tempo dai servizi segreti dell’Unione Sovietica all’inizio degli anni 1960. Basti pensare solo alla “conversione” del giudizio sul Pio XII indifferente all’Olocausto di Gary Krupp, un ebreo americano che, insieme a sua moglie Merry, solo dopo aver conosciuto e conversato con suor Marchione decise di fondare, nel 2003, la Pave the Way Foundation, associazione religiosamente neutrale che si propone di cercare, individuare e contribuire ad eliminare gli ostacoli non-teologici che si infiltrano fra le religioni e la libera ricerca, e che impediscono la loro reciproca comprensione e collaborazione. Il punto di vista di Krupp sulla figura di Eugenio Pacelli è cambiato dopo che suor Margherita poté mostrare allo studioso una tale mole di documenti, lettere, testimonianze di ebrei scampati all’Olocausto grazie all’intervento del Papa da non ammettere replica.

Con l’incoraggiamento di Benedetto XVI suor Marchione ha organizzato anche iniziative di grande divulgazione per far conoscere la figura di Pio XII, fra le quali ricordiamo il museo-vetrina dedicato a Papa Pacelli che, inaugurato il 2 ottobre del 2014, ha visto una larga partecipazione di pubblico a San Pietro, presso la Libreria Internazionale Benedetto XVI di piazza Pio XII.

Suor Margherita, nata nel New Jersey (Stati Uniti) nel 1922 da genitori italiani, si è laureata in Filosofia alla Columbia University di New York, ove ha insegnato per molti anni Italianistica. Nel corso della sua lunga carriera universitaria ha compiuto anche studi importanti sulla vita sulle opere di scrittori italiani di rilievo internazionale come, fra gli altri, il filosofo e politico Filippo Mazzei (1730-1816), il poeta e sacerdote rosminiano Clemente Rebora (1885-1957) e, infine, l’editore, docente e giornalista Giuseppe Prezzolini (1882-1982).


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments