“La Slovacchia, in più di 1.100 anni di storia, raramente ha sperimentato tanta gioia”


PAPA FRANCESCO HA VISITATO BUDAPEST E LA SLOVACCHIA DAL 12-15 SETTEMBRE 2021. ERA IL SUO 34° VIAGGIO APOSTOLICO ALL’ESTERO. IL RESOCONTO DEL NOSTRO COLLABORATORE DA BRATISLAVA DOTTOR JOZEF MIKLOŠKO, AMBASCIATORE SLOVACCO IN ITALIA DAL 2000 AL 2005

Di Jozef Mikloško*

 

Papa Francesco ha visitato la Slovacchia il 12-15 settembre 2021. Era il suo 34° viaggio apostolico all’estero. La Slovacchia, per più di 1.100 anni di storia, raramente ha sperimentato tanta gioia e pietà. Per molti è stato un evento di vita.

La preparazione e l’organizzazione hanno richiesto molto impegno e professionalità. come è accaduto per la pandemia. Sono lieto di affermare che la Chiesa cattolica e lo Stato hanno gestito bene questi difficili compiti. Con un’opportunità limitata per incontrare il Papa, con il complesso approccio dell’OTP (vaccinato, testato, guarito), il Papa ha ricevuto solo una frazione di coloro che hanno partecipato alle varie tappe del suo viaggio apostolico.

Hanno suonato e cantato eccellenti orchestre e cori a tutte le messe. A Šaštín mancava solo la canzone “Quelle campane di Šaštín …”. La gente è rimasta entusiasta della cordialità di Francesco ed è difficile trovare tanta gioia oggi in Europa. In tempi di frustrazione, paura e negativismo, sono apparse decine di migliaia di persone positive e gioiose.

Queste persone sono la maggioranza e questo atteggiamento deve essere espresso anche dopo la partenza del Santo Padre, a differenza di quanto scrivono i media liberal…

Quando il papa è arrivato, le campane hanno suonato in tutto il paese. E le ho sentite bene nelle mie due ore di gioiosa attesa in strada davanti alla Casa di Madre Teresa per i senzatetto a Bratislava – Petržalka.

Premetto che c’era una bella atmosfera di persone sconosciute l’una all’altra. Il papa 84enne ha fatto appello a tutti, anche ai non credenti, con il suo carisma. È divertente, spontaneo e misericordioso. Ha un grande potenziale per raggiungere i giovani. La Slovacchia lo ama e ha voluto farglielo sapere.

Nella società odierna, polarizzata e spaventata, questi giorni sono stati un modello per la possibilità di una vita futura. La Slovacchia ha rivelato la sua tradizionale “pietà popolare”, che non è più espressa pubblicamente in altri paesi, soprattutto nei paesi occidentali.

Il numero di canti, preghiere, ricevimenti, penitenze, pellegrinaggi è stato, in un momento di sfiducia generale e di paura, è stato una vera sorpresa: che tu sia o meno credente, nessuno può rimanere indifferente!

A Bratislava il Papa ha incontrato il Presidente, il Presidente del Parlamento e il Governo.

Il Presidente del Parlamento Boris Kollár ha fatto visita al Papa con i suoi dieci figli. Anche il primo ministro, Eduard Heger, è stato ricevuto dal Papa presso la Nunziatura apostolica.

Il Papa ha guidato un incontro ecumenico, ha dibattuto con i gesuiti e con le suore di Madre Teresa nella casa di Betlemme. A Prešov, ha guidato la Divina Liturgia greco-cattolica di San Giovanni Crisostomo, e a Košice ha incontrato la comunità rom nel distretto rom di Luník IX.

L’incontro con i giovani allo stadio Lokomotiva di Košice è stato estremamente spontaneo e cordiale. Nel seminario sacerdotale di S. Karol Boromejský a Košice ha incontrato il cardinale Jozef Tomko, tra i presenti il ​​cardinale Dominik Duka di Praga, l’arcivescovo emerito di Cracovia Stanisław Dziwisz e Jean Claude Hollerich del Lussemburgo. Il sacerdote ucraino di Khusta Vladimir Babic ha detto che 35 credenti provenivano dall’Ucraina, dieci sacerdoti e il signore Mukachevo Nil. Sono venuti a pregare con il Papa e sono stati coinvolti in questa bella comunità.

L’ultimo giorno del soggiorno del Papa, c’è stato un incontro di preghiera con i vescovi nella Basilica Nazionale della Vergine Maria dei Sette Dolori, Patrona della Slovacchia. È seguita la Santa Messa conclusiva all’aperto con la partecipazione ristretta di circa 50mila pellegrini. In tutti gli incontri, il Santo Padre ha tenuto un discorso, spesso interrotto da fragorosi applausi.

Il presidente Zuzana Čaputováhosťa lo ha accolto con seguenti parole: “È un grande onore per me accogliere il Santo Padre Papa Francesco in Slovacchia”. Le prime parole del Papa sono state: “Mi avete invitato in Slovacchia a dicembre e oggi ho mantenuto questa promessa… mi sento ringiovanito”. Ha aggiunto: “Vorrei che non lasciate mai che i sapori fragranti delle vostre migliori tradizioni siano rovinati dal consumismo superficiale, dal guadagno materiale o dalla colonizzazione ideologica”. Ha anche criticato il capitalismo mentre denunciava l’individualismo, segnato dalla ricerca del profitto e degli interessi egoistici.

“Il pane spezzato ed equamente diviso ci ricorda l’importanza della giustizia, per dare a tutti la possibilità di realizzarsi. È importante lavorare per costruire un futuro in cui le leggi valgano in modo uguale per tutti… Inutile lamentarsi del passato, bisogna rimboccarsi le maniche e costruire insieme il futuro”.

František Mikloško, dissidente, ex presidente della SNR, ha valutato questo discorso: “Nessuno ha mai fatto un discorso simile agli slovacchi prima. Il Papa ha catturato tutta la nostra memoria, il carisma, ha indicato la nostra cordialità e ospitalità, ma allo stesso tempo l’ha spinta oltre. Ha usato un parallelo con i Tatra per sapere come attraversare i nostri confini ed essere parte di una famiglia di nazioni. Quando Giovanni Paolo II è stato qui, ha detto: “Sei sopravvissuto a una dura persecuzione, non aver paura. Ora ti aspetta la prova della libertà”.

Ecco altre idee dai discorsi del Papa

Ha detto ai giovani di Košice: “L’amore e l’eroismo sono necessari perché la vita sia grande. Guardiamo Gesù, guardiamo il Crocifisso, c’è l’uno e l’altro: l’amore sconfinato e il coraggio di dare la nostra vita fino in fondo, senza tiepidezze. Abbiamo davanti ai nostri occhi la tua nativa, la beata Anna Kolesárová, l’eroina dell’amore. Ci dice di perseguire obiettivi elevati. Per favore, non lasciate che i giorni della vostra vita scorrano come episodi di una soap opera, dove si fa quello che viene in mente. Non ascoltate chi vi parla di sogni e invece vi vende illusioni: sono manipolatori di felicità. Siamo stati creati per una gioia più grande: ognuno di noi è unico ed è al mondo per sentirsi amato nella sua unicità e per amare gli altri come nessuno può fare per lui”.

Il Papa si è rivolto a vescovi, sacerdoti, monaci e monache: “La Chiesa cammina insieme e percorre le vie della vita con la fiaccola ardente del Vangelo. Non è una fortezza o un castello che guarda il mondo da lontano e basta a se stesso. Per favore, non soccomberemo alla tentazione del magnifico splendore e della grandezza mondana!”.

Ha detto ai sacerdoti: “Il centro della Chiesa non è la Chiesa, abbiamo troppa preoccupazione per noi stessi, per le nostre strutture, o per come la società è vista di noi. Preferiamo tuffarci nella vita reale delle persone “e abbiamo invitato il clero a formare persone libere dalla rigida religiosità.

“L’omelia dovrebbe durare 10-15 minuti, non di più”, ha detto ai vescovi e ai sacerdoti, per i quali si è guadagnato gli applausi della cattedrale. “Mi permetterò di essere malizioso: le suore, vittime delle nostre omelie, hanno applaudito”, ha riso il papa tra il pubblico. Ha definito tre priorità per la Chiesa: “Libertà, creatività e dialogo. La Chiesa, che forma le persone in termini di libertà interiore e responsabile e che può essere creativa immergendosi nella storia e nella cultura, è anche una Chiesa che può dialogare con il mondo – con coloro che professano Cristo, anche se non sono la nostra gente, e con coloro che percorrono l’arduo cammino della ricerca spirituale e anche con coloro che non credono”.

“Non sei ai margini della chiesa, ma nel suo cuore”, ha detto, “Dio ci vuole così, tutti uniti intorno a lui”. Ha anche ricordato i carcerati. “Non abbiate paura di venire incontro ai bisogni degli emarginati. Incontrerete Gesù”.

In un’omelia a Prešov, ha detto: “Quante volte desideriamo il cristianesimo dei vincitori, il cristianesimo trionfante, che sarebbe importante e significativo, celebrato e adorato. Ma il cristianesimo senza croce è laico e diventa sterile… Penso ai martiri che in questa nazione hanno testimoniato l’amore di Cristo in tempi molto difficili, quando tutte le circostanze consigliavano il silenzio, di stare al sicuro, di non professare la fede. Ma non potevano non testimoniare. Quante persone nobili hanno sofferto qui e sono morte a causa del nome di Gesù!”.

Ha concluso a Šaštín: “Qui, grazie a Dio, i cristiani non sono perseguitati, come in tante altre parti del mondo. Tuttavia, l’illuminazione e la tiepidezza svalutano la testimonianza, mentre la croce richiede una testimonianza chiara, perché la croce non vuole essere un pegno da esibire, ma una pura fonte di un nuovo modo di vivere”.

Infine, ha incoraggiato i credenti a conservare un caro ricordo di quella fede, specialmente genitori e nonni. “Erano persone umili, semplici che hanno dato la vita, amate fino alla fine. Questi sono i nostri eroi, gli eroi della vita quotidiana, e sono le loro vite che cambiano la storia. I testimoni producono nuovi testimoni perché sono i datori di vita». Evviva Papa Francesco!

Nota

Nella relazione non ho citato il problema dell’OTP (vaccinazione, test, superamento) e la complessa registrazione elettronica, che ha impedito a molti, soprattutto anziani, di partecipare a questi incontri. Lo abbiamo considerato un sacrificio necessario per il successo del viaggio del Papa, che è stato, effettivamente, un successo straordinario.

 

 

* Dal 2000 al 2005 ambasciatore Slovacco in Italia
Leggi la sua storia QUI


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments