La straordinaria avventura di “un povero cristiano”


FRANCESCO D’ASSISI: IL PRIMO ROMANZO DELLA TRILOGIA DI UN GRANDE AUTORE RELIGIOSO DEL NOVECENTO E UN PREZIOSO SAGGIO DI UNO STUDIOSO CONTEMPORANEO

A cura di Angelica La Rosa

“Francesco” (Edizioni Terra Santa, Milano 2018, pp. 176, 16 €) è il primo romanzo della trilogia di un grande autore religioso del Novecento, dalla scrittura trascinante.

Stiamo parlando di Nazareno Fabbretti (1920-1997), frate francescano, scrittore e giornalista, autore di decine di libri, appartenenti soprattutto al genere delle biografie di figure spirituali come san Francesco d’Assisi, santa Chiara, san Bernardino da Siena, papa Giovanni XXIII, papa Paolo VI. Fabbretti seguì il Concilio Vaticano II come inviato de La Gazzetta del Popolo di Torino; per lo stesso giornale, oltre che per La Stampa, il Corriere della Sera e altri ancora, scrisse articoli e condusse inchieste in tutto il mondo.

La raffinatezza narrativa dell’autore trascina al cuore di una storia affascinante, un’autentica vocazione mistica, quella di uno dei santi più amati nel mondo: San Francesco d’Assisi.

«Questa è una semplice narrazione della vita di Francesco, l’itinerario senza commenti di quella straordinaria “avventura di un povero cristiano”. Un racconto “povero” di problemi marginali, scevro di questioni dibattute, alieno da prese di posizione per specialisti. È stato scritto per quei “poveri” che per scelta di spirito o mancanza di tempo non possono permettersi di accedere alle più complesse biografie di ieri e di oggi per affacciarsi al mistero e alla felicità di quella “imitazione di Cristo” che è stata la vita di Francesco», ha scritto nell’Introduzione l’Autore.

«L’opera, affidata a un dettato semplice e gioioso come era lo stesso autore e come il soggetto esige, è un delizioso ritratto del santo, privo della retorica aureolata di enfasi agiografica, ma anche spoglio dell’eccesso delle analisi storiografiche, che pure p. Fabbretti dimostra di non aver ignorato», ha rilevato nella prefazione il cardinale Gianfranco Ravasi.

Non è un romanzo ma un saggio quello di Pietro Messa dal titolo “Francesco il misericordioso. La sfida della fraternità”.

Dal sogno giovanile di diventare un cavaliere, passando attraverso l’amaro (e al contempo “rivelatore”) incontro con i lebbrosi, l’esperienza con il Sultano, l’approvazione della Regola e la malattia, osservando la vita di Francesco d’Assisi si può affermare che l’esito più grande della sua parabola fu la creazione di un’inedita e originale fraternitas evangelica, che diventerà l’ordine dei frati Minori.

Questo prezioso libro di Pietro Messa, grande esperto di storia del francescanesimo, rappresenta un’introduzione alla vita del Santo, una rilettura critica a tutto tondo dei diversi episodi (o “metamorfosi”) che hanno dato forma alla storia di quest’uomo straordinario, anche oltre le letture univoche e spesso ideologiche che ne sono state fatte: «Francesco è Francesco e la cosa migliore è conoscerlo come tale».

L’autore, frate minore, è professore di Storia del francescanesimo presso la Pontificia Università Antonianum di Roma.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments