Distruzione della famiglia tradizionale e sostegno alle migrazioni di massa indicano uno scenario UE pericoloso


PUBBLICHIAMO L’INTERVENTO INTEGRALE DEL DEPUTATO SERBO JOVAN PALALIĆ IN OCCASIONE DELLA CONFERENZA “L’EUROPA DEI VALORI: VITA, FAMIGLIA, CIVILTÀ”, TENUTASI A VERONA NEL TARDO POMERIGGIO DI VENERDÌ 29 OTTOBRE 2021

Di Jovan Palalić*

 

Per noi serbi, gli argomenti (Vita, Famiglia, Civiltà) di cui discutiamo oggi hanno un significato speciale, perché la nostra patria e la nostra nazione sono state create quasi mille anni fa sulle loro fondamenta, e oggi stiamo affrontando un’enorme pressione da parte dei circoli politici e culturali liberali e di sinistra dell’Europa per rinnegarle.

Vogliamo essere parte dell’Europa, ma ciò che ci viene imposto in questo processo, soprattutto nel campo della cultura e della spiritualità, mina fortemente le nostre fondamenta tradizionali. Stanno cercando di cambiare la coscienza della nazione attraverso le leggi che ci chiedono di adottare.

Nell’Assemblea della Serbia, ho anche discusso e votato contro tali proposte dannose e pericolose che ci sono state imposte da Bruxelles. Libertà, indipendenza, cristianesimo e famiglia sono i nostri pilastri e il nostro sostegno attraverso tutti gli alti e bassi e le tragedie della storia.

Vorrei anche sottolineare che noi vediamo un’Europa unita, che l’est e l’ovest del nostro continente affrontano le stesse sfide che oggi minacciano ugualmente la nostra comune eredità europea e cristiana, le nostre tradizioni e stile di vita, nonché il diritto dei popoli decidere autonomamente del proprio destino.

Se non comprendiamo la connessione tra i destini di tutte le nazioni europee, tutti gli europei dall’Atlantico agli Urali, se ci concentriamo solo sulle piccole differenze sul percorso storico, sarà più facile abolire definitivamente i valori più preziosi e patrimonio su cui tutti siamo diventati, siamo sopravvissuti e siamo diventati famosi nella storia.

L’abolizione o la diminuzione significativa della sovranità degli stati è strettamente legata all’imposizione di valori sui popoli d’Europa che sono completamente estranei alla loro cultura millenaria, alla loro comprensione della famiglia, dello stato, dell’arte e dello stile di vita. Materialismo e cultura del consumo, cancellazione delle differenze tra i sessi e le tradizioni, promozione aggressiva del multiculturalismo e relativizzazione di tutti i valori e religioni, insieme alla propaganda assordante attraverso i media elettronici e i social network, portano alla distruzione dei pilastri fondamentali su cui si fonda l’Europa.

Autorità che non sono state elette dai cittadini, ma sono state imposte dalle élite economiche e bancarie, a cui addice questa Europa spiritualmente e culturalmente devastata, impongono diversi modelli di famiglia, libertà e religione attraverso l’apparato della coercizione statale e della legislazione.

Sostenendo il rinnovamento demografico dell’Europa non attraverso la promozione della famiglia e dei valori cristiani ma attraverso le migrazioni, stanno modificando al tempo stesso l’atteggiamento nei confronti della valutazione del lavoro, mettendo in pericolo la sopravvivenza e il livello di vita raggiunto dell’uomo europeo.

Inoltre, la propaganda aggressiva dell’ideologia di genere e la promozione dei matrimoni omosessuali e dell’adozione di bambini porta direttamente alla distruzione della famiglia naturale e alla profanazione della santità del matrimonio.

Il perseguimento dell’uguaglianza artificiale di genere e l’eliminazione di tutte le differenze naturali tra uomini e donne avranno non solo conseguenze per la situazione demografica in Europa, ma anche varie forme di deviazione nell’educazione e nello sviluppo dei bambini.

La distruzione della famiglia tradizionale e il sostegno alle migrazioni di massa indicano chiaramente l’esistenza di uno scenario pericoloso per cambiare l’Europa, per creare un’altra Europa, precedentemente sradicata dalle sue radici spirituali, ecclesiastiche, intellettuali, artistiche, cavalleresche e nazionali.

Posso dire liberamente che le azioni anticristiane di queste false élite possono essere viste nell’esempio del mio paese, a partire dai suoi bombardamenti, al silenzio di oggi mentre i restanti serbi cristiani vengono perseguitati in Kosovo e i loro templi e monasteri vengono bruciati .

Noi serbi, che tante volte abbiamo difeso l’Europa dalle invasioni islamiche, possiamo solo interpretare questo sostegno delle élite europee per rafforzare l’Islam e la presenza della Turchia nei Balcani contro di noi, come popolo cristiano, che queste élite stanno lavorando contro l’Europa stessa, le sua fondamenta e contro il suo futuro.

Certamente vogliamo svilupparci come società democratica, ma preservando fermamente i valori su cui basiamo come una nazione europea. Non si tratta di una sorta di falsa tolleranza, ma della nostra ferma volontà di preservare il diritto al nostro stile di vita e ai valori che ci hanno plasmato come europei. In questa falsa tolleranza promossa, solo lo stile di vita cristiano, europeo e la sua manifestazione aperta e l’orgoglio della sua appartenenza sono accusati, tentati di essere soppressi, mentre altre comunità e religioni che sono venute o stanno ancora venendo, ottengono spazio, sostegno, risorse e attenzione a diffondere, promuovere e imporre, dai media, alla cultura, alle istituzioni educative, ai quartieri urbani.

Siamo minacciati di procedimenti penali se non rispettiamo le loro opinioni anticristiane sulla famiglia e il rapporto tra i sessi, se non accettiamo in ogni segmento delle nostre società i loro falsi valori e la loro visione della società, verità storiche , il ruolo della Chiesa e il significato dei nostri antenati.

In questo momento, ogni individuo che dice che allo Stato deve essere restituita la sua sovranità e al popolo la libertà, in modo che possa decidere da sé chi guiderà ed eserciterà il potere, colui che dice che una famiglia è composta da un padre e una madre con bambini e che un bambino ha un padre e una madre, che l’Europa ha le sue radici cristiane e vuole preservarle e ha il diritto di difenderle, l’individuo che sostiene l’abolizione delle sanzioni contro la Russia, quell’Europa naturale dall’Atlantico agli Urali si riconnettono e si danno una mano, affinché alle sfide comuni possa rispondere in modo forte e unico. Perché questi sono i due pilastri cristiani della nostra Europa. Da sempre.

Chiunque pensi che l’Occidente starà meglio se l’Oriente sta peggio, o viceversa, si sbaglia di grosso. Roma e Parigi non saranno più ricche e più felici se Mosca o Belgrado sono in difficolta. Se solo un pilastro cade, l’altro non potrà sostenersi sotto queste terribili pressioni di distruzione di tutte le fondamenta su cui è costruita l’Europa.

Ora la cosa più importante è ritrovare in noi coraggio e fedeltà ai valori e agli ideali in cui crediamo. Sono la nostra spina dorsale e la nostra arma nell’arena politica e nel pubblico per cercare di ripristinare la libertà del popolo e la sovranità degli nostri stati che hanno rubato da noi. Quando la libertà sarà riconquistata, le persone libere rifiuteranno i falsi valori loro imposti e torneranno alle loro fonti su cui si basano tutta la loro tradizione e stile di vita.

Coraggio, fermezza di fede e libertà sono i pilastri della rinascita. Si possono sviluppare nuove tecnologie, il mondo può cambiare in varie direzioni, dall’intelligenza artificiale alla robotica. È un mondo materiale mutevole, che si sviluppa a volte a vantaggio ea volte a scapito dell’uomo europeo. Non dobbiamo fuggire da questi cambiamenti, ma metterli in una funzione più alta dello sviluppo dell’uomo e delle nazioni europee, e rifiutare ciò che è dannoso, misurando tutto con i valori eterni su cui si basa la nostra civiltà.

L’Europa e i suoi popoli possono sopravvivere a tutti questi cambiamenti solo se tornano a se stessi e se c’è qualcosa che li protegge in tempi di grande insicurezza esistenziale. In un mondo incerto che sta cambiando, dobbiamo tenerci saldi alla nostra eredità e ai valori che ci hanno plasmato e guidato attraverso tutte le tentazioni della storia. E quelli sono sempre la libertà e la dignità umana, la fede cristiana, la famiglia e lo Stato nazionale. Le pressioni in varie forme si intensificheranno su tutti quegli individui che amano la libertà e la fede e combattono per i valori per i quali i nostri antenati sono morti e ci hanno lasciato in eredità il voto che dobbiamo difendere il significato del loro sacrificio e della loro lotta.

Lepanto e il Kosovo, queste grandi prove della lotta senza precedenti per la fede e la libertà dell’Europa non devono essere dimenticate non solo nella memoria, ma devono essere confermate in questo momento dalle nostre vite e dalla lotta per gli ideali che rappresentano.

Salviamo l’eredità che i nostri santi e grandi antenati ci hanno lasciato e trasmettiamola ai nostri discendenti. In questo modo realizzeremo la nostra missione in questa vita e in questo tempo donatoci da Dio.

 

 

* Jovan Palalić (in serbo Јован Палалић), sposato e padre di due figli, è nato a Bačka Palanka (nella provincia di Vojvodina) il 26 aprile 1971. È il segretario generale del Partito Popolare Serbo e membro dell’Assemblea nazionale della Repubblica di Serbia. Completati gli studi in Giurisprudenza presso l’Università di Novi Sad, si è immediatamente dedicato alla politica venendo eletto varie volte.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments